12 Maggio 2021, mercoledì
Home Salute Sanità, burocrazia ‘lumaca’ a Brindisi: 7 anni per ‘accendere’ una tac Per...

Sanità, burocrazia ‘lumaca’ a Brindisi: 7 anni per ‘accendere’ una tac Per approfondire

La burocrazia ‘lumaca’ tiene spenta una Tac per 7 anni. E’ accaduto nel Servizio di Radiologia del Presidio di assistenza di Mesagne, in provincia di Brindisi. Acquistato nel 2011, il macchinario dovrebbe essere ‘acceso’ nella seconda metà di settembre “quando saranno attive le agende di prenotazione”, sottolinea l’Asl brindisina che rimarca come i problemi di natura burocratica sono indipendenti dalla volontà della direzione aziendale.

“Dopo l’acquisto dell’attrezzatura, avvenuto nel 2011 – ricostruisce l’azienda sanitaria – sono intervenuti problemi di varia natura connessi con le ditte fornitrici (subentri o fallimento) e con l’alternarsi della dirigenza dell’Area tecnica. Dopo la ristrutturazione dei locali da adibire alla nuova attrezzatura, con provvedimento del dicembre 2015 erano state affidate a nuova ditta anche le attività di supporto finalizzate all’installazione della Tac già fornita dal precedente appaltatore. Conclusi i lavori, l’installazione è stata avviata nel mese di luglio 2016, con l’esecuzione di assemblaggio delle apparecchiature e le ordinarie prove preliminari di funzionamento, che sarebbero state confermate e integrate dalle attività di collaudo tecnico-funzionale da eseguirsi prima dell’avviamento dell’apparecchiatura”.

“A seguito del completamento delle opere strettamente connesse e necessarie per l’entrata in servizio della Tac – prosegue l’Asl – nel 2017 venivano avviate le procedure per il collaudo definitivo e per la conseguente messa in servizio dell’apparecchiatura, mentre nel frattempo era stata già disposta l’assegnazione di tecnici e radiologi per l’apertura del Servizio. In itinere, durante l’attività di verifica preliminare è stata riscontrata una intervenuta avaria del tubo radiogeno che ne impediva invece il funzionamento nell’immediato”.Immagine correlata

“Risolto il problema tecnico con la sostituzione del dispositivo nel mese di maggio 2018, e concluso l’iter amministrativo per ottenere l’accreditamento, ottenuto nel luglio scorso, è stata già programmata la formazione del personale nelle giornate del 12-13-14 settembre e a seguire è prevista l’apertura delle agende di prenotazione”, sottolinea l’azienda sanitaria che conclude: “Questa amministrazione ha fatto il possibile per risolvere l’annoso problema della Tac rimasta inutilizzata per anni, ma è facile intuire che di fronte a problemi di natura burocratica, indipendenti dalla volontà del management, i tempi rischiano inevitabilmente di dilatarsi”.(meteoweb)

a cura di Cesare Cilvini

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Ue: l’Italia potrebbe crescere del 4,2 % quest’anno

Dalle previsioni economiche di primavera pubblicate dalla Commissione europea nel 2021 il Pil dell'Italia crescerà del 4,2% nel 2021 e del 4,4%...

Italia si, Italia no: le nuove forme di turismo, dalle protesi ai vaccini

Il turismo ha assunto nell’ultimo ventennio un’accezione sempre più variegata con particolare riferimento alle opportunità ed ai vantaggi che questo stesso offre....

Amministrative Letta: “A Torino e Roma nessuna possibilità di convergenza Pd-M5S”

Il segretario dem: "Due città dove nel 2016 il Pd ha straperso e dove sono andate al governo due sindache sul cui...

Pressing su riaperture e coprifuoco.

Già dal monitoraggio della prossima settimana potrebbero cambiare i parametri che definiscono i colori delle regioni, a partire...

Commenti recenti