27 Luglio 2021, martedì
Home News Voluntary disclosure impantanata

Voluntary disclosure impantanata

Voluntary disclosure ferma ai box. E il motivo è l’introduzione del reato di autoriciclaggio all’interno del testo sul rientro dei capitali. Questa misura, infatti, ha innescato una reazione a catena che vede, come sua massima espressione, un vero e proprio conflitto di attribuzione tra il Ministero dell’economia e delle finanze e il Ministero della giustizia. Conflitto che, necessariamente,  sta portando ad un rallentamento generale dei lavori al ddl alla camera. Il testo lincenziato dalla Commissione finanze di Montecitorio, infatti, deve ancora ottenere i pareri delle altre commissioni. Pareri che, però, stanno tardando ad arrivare. A conferma di questo, anche il fatto che, ad oggi, l’esame del testo ancora non compare nel calendario dell’Aula.
A confermare a ItaliaOggi, il rallentamento dei lavori e l’incertezza circa i tempi di approvazione del ddl, il sottosegretario all’economia e alle finanze, Enrico Zanetti, nel corso dell’incontro che si è svolto ieri presso la sede dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano avente ad oggetto la delega fiscale (legge 23/2011) ed i relativi decreti attuativi.
«Il ddl sul rientro dei capitali sta subendo dei rallentamenti», ha sottolineato Zanetti, «e, anche se la speranza mia e del governo è quello di riuscire a licenziare il testo in prima lettura alla Camera entro la pausa estiva è indubbio che l’introduzione del reato di autoriciclaggio all’interno del testo abbia giocato un ruolo determinate nel frenare i lavori». La norma, infatti, è stata inserita tramite un emendamento ad hoc a firma Marco Causi. Disposizione che, di fatto, però non ha mai ricevuto un vero e proprio via libera da parte dell’esecutivo (si veda ItaliaOggi del 3 luglio 2014). Il governo, infatti, in quella sede preferì rimettere la questione nelle mani della Commissione finanze. «L’introduzione di questa disposizione, per quanto condivisibile in linea di principio, ha generato un vero e proprio conflitto di attribuzione. Da un lato, infatti», ha evidenziato Zanetti, «c’è il Mef che ha sempre ritenuto opportuno collegare la voluntary discolsure all’autoriciclaggio, dall’altro lato, però, c’è il Ministero della giustizia che, anche in questi ultimi giorni, ha più volte fatto presente la volontà di inserire una disposizione ad hoc all’interno di un complessivo ddl di riforma».

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Per Governo e Quirinale si profilano tre schemi, ma è un gioco tutto aperto

Ci sono almeno tre schemi sui tavoli della politica italiana, e non solo, che disegnano il futuro istituzionale del nostro Paese. I...

Roghi in Sardegna, due focolai ancora attivi.

Sono ancora attivi, ma la situazione sembra essere sotto controllo, due fronti del gigantesco rogo che nelle ultime ore ha devastato il...

Tokyo 2020, la 4 x 100 sl è d’argento: staffetta nella storia

'Italia conquista l'argento alle Olimpiadi di Tokyo 2020 con la staffetta 4x100 stile libero maschile, seconda in finale con il nuovo record...

Afghanistan: migliaia in fuga dai combattimenti a Kandahar

Oltre 22 mila famiglie afghane hanno abbandonato le loro case per sfuggire ai combattimenti nell'ex bastione talebano di Kandahar, hanno affermato oggi...

Commenti recenti