1 Marzo 2021, lunedì
Home News Juve, Antonio Conte manda segnali di addio: “Pronto a valutare altre offerte”

Juve, Antonio Conte manda segnali di addio: “Pronto a valutare altre offerte”

 “Se insieme arriveremo alla decisione di dividerci, non starò fermo un anno, e valuterò offerte intriganti, sono contrario all’anno sabbatico”. Lo ha detto Antonio Conte dopo la vittoria della sua Juve a Roma. “Tra poco faremo chiarezza. Bisogna capire se ci sono margini per migliorarci ancora,su questo nutro dei dubbi. Sarà dura anche per quelli che arriveranno dopo”.

“La Juventus – ha spiegato Conte – viene da un ciclo vincente di tre anni, un qualcosa storico e straordinario. Ripeto, io sono orgoglioso di essere l’allenatore di questa squadra, di questa società, di questi calciatori splendidi che in tre anni hanno fatto veramente cose incredibili. Neanche nei migliori sogni, ecco… Nel momento in cui io mi sono seduto sulla panchina della Juve, venivano da due settimi posti, siamo riusciti a vincere tre campionati, uno da imbattuti, il primo anno, il secondo è stato bello, il terzo anno è stato straordinario perché abbiamo battuto tutti i record di punti, vorremo sicuramente provare a toccare quella fatidica cifra dei cento, o superarli, però c’è ancora una partita. La squadra è viva, nonostante i festeggiamenti, nonostante qualche seratina. Ribadisco, sono stati tre anni fantastici in cui io ho chiesto tantissimo ai miei calciatori e questi calciatori mi hanno accontentato in tutto e per tutto. Di solito è ciclica la situazione, so di contare su materiale umano, oltre che su splendidi giocatori, ma soprattutto su materiale umano molto molto importante. Penso che quello che avevo da dire di averlo detto alla società, penso che, così, tra poco comunque faremo sicuramente chiarezza”.

“Io do tutto ogni anno, in qualsiasi squadra in cui ho allenato, iniziando dall’Arezzo, a Bari, a Siena, con l’Atalanta, anche in due mesi, e in questi tre anni alla Juventus. Fa parte del mio carattere, ho una grandissima passione nei confronti di questo sport, mi piace studiare, mi piace crescere giorno per giorno, non accontentandomi mai di niente. Migliorare quello che ha fatto questa squadra in questi tre anni è molto difficile. Penso che tre scudetti, uno lo abbiamo vinto da imbattuti, senza perdere una partita, questo lo abbiamo vinto battendo il record, vorremmo anche toccare i cento punti, penso che in Italia più di quello che abbiamo fatto non sarà semplice fare, ma anche per chi verrà dopo di noi. In Europa sicuramente si può migliorare, però penso che in questo momento la Juventus valga un ottavo o un quarto di finale di Champions League, eventualmente una semifinale o una finale di Europa League”.

“L’ambiente chiede la vittoria della Champions, sapete benissimo, comunque di fare grandi cose in Europa. Io non butto fumo negli occhi alle persone, anche perché sono dei tifosi che danno tutto alla Juventus, quindi sono molto realista e so che migliorare questa situazione è molto molto difficile. Io chiedo tanto, ma perché do tantissimo ai miei calciatori, tutto me stesso, è l’unico modo per chiedere ai calciatori e penso che questo lo apprezzino in maniera grande i miei calciatori e questo mi permette di chiedere loro veramente tanto. È inevitabile che io ho chiesto tantissimo e ho ricevuto veramente tanto tanto da questi calciatori. Bisogna capire se ci sono margini per migliorarci ancora. Io da questo punto di vista nutro dei dubbi, per il resto comunque sono sempre a duemila, sono sempre carico come una molla. Oggi sentite che voce che ho”.

“Pronto a rimanere anche un anno fermo? Penso che in questi giorni comunque si farà chiarezza sulla mia posizione nell’ambito Juventus. Per quello che riguarda l’anno sabbatico, io, a prescindere, non sono d’accordo, però non dovesse esserci unità di intenti o comunque dovessimo in maniera concorde decidere di lasciarci con grande affetto e con grande stima, valuterei offerte intriganti che mi stuzzicano. Di base non voglio star fermo, poi non dovesse arrivare niente da nessuna parte, allora poi mi godo di più la famiglia”.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Pandemia e residenza fiscale

a cura di Pasquale Giordano  L’emergenza epidemiologica covid-19 e le misure adottate a livello nazionale ed internazionale per il...

L’Inter è in fuga. Cagliari e Udinese, squilli salvezza

Nel pomeriggio domenicale di serie A, l'Inter domina il Genoa e lo batte per 3-0. Giornata nera per le due genovesi (anche...

Opere d’arte e libera circolazione

A cura di Luca Filipponi Direttore  Il Decreto Ministeriale 246/2018 ha stabilito regole precise sulla documentazione...

Usa, chi sono i miliziani colpiti da Biden in Siria

 La prima azione militare dell'amministrazione di Joe Biden nella zona orientale della Siria, al confine con l'Iraq, ha colpito due milizie sostenute dall'Iran, Kataib Hezbollah e Kataib...

Commenti recenti