22 Giugno 2024, sabato
HomeNews“Feto è morto”, ma nasce bimbo sano. Denuncia medici che le dissero...

“Feto è morto”, ma nasce bimbo sano. Denuncia medici che le dissero di abortire

Il feto è morto, meglio abortire“. Per i medici del pronto soccorso del Fatebenefratelli, alla donna arrivata con perdite ematiche durante le prime settimane di gravidanza, altro non restava che abortire. La diagnosi per i medici era di “aborto interno”, perché il battito del cuoricino non c’era. Ma la donna ha deciso di chiedere un secondo parere e attendere. Oggi quel feto è un neonato sano di 3 mesi e mezzo e la madre ha denunciato i medici del pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni Calibita Fatebenefratelli.

Adelaide Pierucci sul Messaggero scrive:

“Ma tutto ciò è stato possibile solo grazie alla testardaggine della giovane madre che quel giorno non si è voluta fidare della diagnosi dei medici del pronto soccorso. Oggi chiede giustizia e, visto che il reato di tentato omicidio colposo non può essere contestato, ha deciso di puntare al risarcimento dei danni morali: «Non si può precludere la vita di un bimbo innocente per una superficialità» chiarisce, assistita dall’avvocato Pietro Nicotera, che per lei ha indirizzato all’ospedale la lettera con cui preannuncia l’azione legale”.

Una diagnosi errata, ricostruisce la Pierucci:

“La mamma che ha salvato la gravidanza grazie al suo istinto si chiama Maria S., abita all’Eur ed ha un altro figlio, una bambina di due anni. Il 4 aprile del 2013 si era presentata al pronto soccorso di ginecologia dell’ospedale sull’Isola Tiberina perché preoccupata dalla comparsa di perdite ematiche. Temeva che quel segno potesse significare la fine della gravidanza appena cominciata. «Signora, ha avuto un aborto interno» le dice una dottoressa «Non c’è traccia del battito in ecografia. E anche se alle prime settimane di gravidanza, alla quinta bisognerà procedere col raschiamento. Consigliamo il ricovero. Se vuole lo disponiamo subito»”.

Ma la donna non è convinta e decide di farsi prescrivere la pillola abortiva e di aspettare:

“Su suggerimento della dottoressa, decide, in alternativa all’intervento, di assumere un farmaco per provocare l’espulsione e torna a casa. Il tutto viene sintetizzato sul verbale di pronto soccorso. La paziente «entra alle 11.06 ed esce alle 15.44». «Diagnosi: aborto interno. Informata sul decorso clinico della terapia, la paziente decide il trattamento con Methergin cpr». La mamma, spinta dal fiuto, compra il farmaco ma non lo assume. Anzi il giorno dopo, di buon’ora, si fa visitare dal suo medico di base, all’Eur, specializzato in ginecologia. «Quel giudizio al pronto soccorso di ostetricia del Fatebenefratelli, nonostante le analisi e l’ecografia, mi era sembrato troppo frettoloso – racconta – quindi la sera, a casa, ho messo subito via il Methergin, e ho cominciato a cercare informazioni su internet dove ho trovato la conferma di quanto avevo già intuito, ossia che non sempre il battito degli embrioni è individuabile alla quinta settimana. Meglio aspettare quindi per farmaci e ferri. Io il mio bambino, anche se la gravidanza non era stata pianificata, lo volevo»”.

La sua dottoressa le conferma che è meglio attendere e la settimana dopo l’ecografia scioglie ogni dubbio: il feto c’è, il cuoricino batte e la gravidanza avanza. Ora la donna ha denunciato i medici:

“«Il mio bambino è nato il 2 dicembre del 2013», racconta ora Maria. «Pesava tre chili e mezzo. Ho avuto una gravidanza e un parto naturale sereno. E ogni volta che mi soffermo a guardare il mio piccolo mi rendo conto del pericolo scampato. Se non avessi seguito il mio istinto sarei stata io stessa la carnefice di mio figlio. Ecco perché sono sempre stata convinta che un’azione legale fosse un’iniziativa non solo giusta, ma doverosa. Nei pronto soccorso il personale deve essere altamente qualificato. Non si può sbagliare con la vita»”.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti