20 Giugno 2024, giovedì
HomeNewsCloak, l’app per non farsi trovare dagli amici

Cloak, l’app per non farsi trovare dagli amici

Più che una semplice app per tablet e smartphone, Cloak è un mantello dell’invisibilità. Virtuale, certo. Non rende fisicamente trasparenti come il mantello di Harry Potter, che ha ispirato recenti prototipi d’ingegneria hi-tech, ma ha poteri magici da non sottovalutare. Soprattutto se si vogliono evitare certi incontri.

Scrive Luca Mastrantonio sul Corriere della Sera:

(…) Con Cloak si possono salvare cene, cinema e altri appuntamenti minacciati da quei tipi logorroici e psico-ricattatori che con aneddoti a matrioska possono sequestrarti l’anima (se li molli lì, ti fanno sentire come un pirata della strada).

Ma Cloak almeno permette di non fomentare l’odio per gli altri, distillato invece da dispositivi anti-social quali Hatebook, Hell is other people, Enemy book: in questi casi, Facebook e Twitter sono visti come piccoli inferni quotidiani, generatori di odio, meet up di nemici travestiti da amici virtuali. Cloak, serenamente, offre una «modalità incognita per la vita reale», come recita il suo slogan.

I suoi ideatori sono il designer Brian Moore e Chris Baker, ex direttore creativo del sito Buzzfeed e, ora, inventore di applicazioni eccentriche e divertenti: come unbaby.me, che permette di salvarsi dalla marea di foto tutte uguali che a ondate invadono con spirito omologante Facebook (ad esempio, quelle dei bambini e dei gattini).

Lanciata il 15 marzo per il sistema informatico iOs (valido per la galassia Apple, a breve arriva anche la versione per Android), Cloak permette di individuare sulla mappa, ed evitare, gli amici (in realtà sconosciuti o conosciuti ma molesti) che si geolocalizzano con Foursquare, il social che segnala i luoghi in cui arriviamo, o Instagram, che può segnalare anche da dove vengono scattate le fotografie condivise.

Piccola accortezza: meglio evitare di geolocalizzare se stessi, perché si offrirebbe a chi si vuole fuggire la propria posizione. Altrimenti, certe passeggiate, rischiano di diventare grottesche partite a Pac Man dal vivo.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti