20 Giugno 2024, giovedì
HomeNewsCartaSi e Qui! Group: una partnership per i buoni pasto elettronici

CartaSi e Qui! Group: una partnership per i buoni pasto elettronici

95mila POS gestiti da CartaSi accettano i buoni pasto elettronici di Qui! Group: un business da 15 milioni di buoni pasto annui, una fetta di mercato dei buoni pasto elettronici pari al 50%, e che presto CartaSi estenderà anche ad altre società emittenti per favorire l’accettazione di diverse tipologie di ticket elettronici con un solo terminale.

Ridurre i tempi di accredito del buono pasto

È sufficiente inserire il buono pasto elettronico nel POS e in pochi istanti avviene il pagamento. La transazione viene infatti trasmessa dal POS al server della società emittente che la memorizza e le elabora per il successivo rimborso al ristoratore e per la fatturazione all’azienda cliente, riducendo anche il periodo di accredito al commerciante (stimato oggi a circa 60 giorni).

Un mercato da 3,42 miliardi

Un accordo strategico, soprattutto considerando i numeri del mercato italiano dei buoni pasto: il business vale 3,42 miliardi di euro, coinvolge 135mila esercenti e oltre 2,3 milioni di lavoratori che in un anno usano 500 milioni di buoni pasto, il 7% dei quali elettronici (dati Università Bocconi, Il settore dei buoni pasto in Italia).

Per le banche arriva il servizio a valore aggiunto

«L’accordo con Qui! Group ci permette di supportare ulteriormente le nostre banche partner nell’ambito della monetica – dichiara Gianluca De Cobelli, Vice Direttore Generale di CartaSi. Il servizio di accettazione di buoni pasto elettronici tramite POS permetterà loro di evolvere la propria offerta commerciale e di fidelizzare gli esercenti tramite un servizio innovativo, utile e con un potenziale di sviluppo importante».

«Questo – spiega Gregorio Fogliani, Presidente di Qui! Group – è un importante caso di apertura dei POS bancari ai servizi a valore aggiunto, che garantirà efficienza all’esercente ed agli istituti di credito, semplificando l’erogazione dei servizi e offrendone di nuovi al cliente finale».

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti