15 Maggio 2021, sabato
Home Italia Economia Aiuti di stato illegali, faro di Bruxelles su Trenitalia e Fs logistica

Aiuti di stato illegali, faro di Bruxelles su Trenitalia e Fs logistica

La Commissione europea ha avviato un’indagine approfondita per valutare se Trenitalia e Fs Logistica, entrambe società del gruppo Ferrovie dello Stato, abbiano ricevuto aiuti di stato illegali. Lo indica oggi l’esecutivo Ue in una nota. Bruxelles valuterà in particolare se “alcune compensazioni per obblighi di servizio pubblico e il trasferimento a titolo gratuito di asset nell’ambito del mercato italiano del trasporto ferroviario di merci sono compatibili con le norme Ue in materia di aiuti di stato,” si legge nella nota. “La Commissione esaminerà se le misure in questione hanno conferito un vantaggio economico selettivo a Trenitalia o ad altre società del gruppo, a scapito dei concorrenti,” continua il documento. La Commissione ha deciso di lanciare l’indagine a seguito della ricezione di due denunce, si legge nel comunicato.
“Visto che dire che siamo sereni non porta bene, dico che siamo tranquilli”. L’a.d. di Fs, Mauro Moretti, commenta con una battuta l’avvio dell’indagine della Commissione Ue sulle compensazioni garantite dallo stato a Trenitalia per il trasporto merci. “Ci sono delle aziende guidate da nostri ex dirigenti licenziati che hanno fatto un ricorso e la Commissione ha aperto un’indagine: si può capire che c’è qualche problema di rivalsa”, ha concluso Moretti.
L’a.d. Soprano: le regioni ci devono 1,35 mld, metà dei quali sono crediti scaduti. I crediti di Trenitalia nei confronti delle regioni per il servizio di trasporto pubblico locale ammontano per il 2013 a 1,35 miliardi di euro. Di questi, 688 milioni, quindi oltre il 50%, sono scaduti. Lo ha detto l’a.d. di Trenitalia, Vincenzo Soprano, nel corso del forum sul trasporto pubblico locale. I crediti scaduti sono più che raddoppiati in tre anni: ammontavano a 269 milioni nel 2010, a 477 milioni nel 2011 e a 793 milioni nel 2012.
Trasporti regionali, Moretti: a Della Valle rispondiamo con 3 mld di investimenti. I 3 miliardi di investimenti per il trasporto regionale previsti nel nuovo piano industriale sono “la risposta più concreta” alle recenti critiche mosse da Diego Della Valle (socio di Ntv, ndr) alla qualità del servizio delle Ferrovie dello Stato sulle tratte regionali. Lo ha affermato l’a.d. delle Ferrovie dello Stato, Moretti, conversando con i giornalisti in occasione del convegno “Il trasporto pubblico locale: nodi da sciogliere e sfide future”.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Più di 70 mila imprese rischiano di chiudere, quasi 20 mila al Sud

Sono a forte rischio di espulsione dal mercato 73.200 imprese italiane tra 5 e 499 addetti, il 15% del totale, di cui quasi...

COMUNICATO STAMPA

PREMIO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE PER LA POESIA E LA NARRATIVA“MARIA DICORATO” L’Associazione Pro(getto) Scena Edition ETS nasce con l’obiettivo...

Draghi:”Bisogna investire sulle donne e sulla possibilità di avere figli”

"Un'Italia senza figli è un'Italia che non crede e non progetta. È un'Italia destinata lentamente a invecchiare e scomparire.

Commenti recenti