19 Giugno 2024, mercoledì
HomeNewsLa banca è negli occhiali. E sull’orologio

La banca è negli occhiali. E sull’orologio

CaixaBank è la prima banca al mondo a presentare una applicazione sugli smartwatch, degli orologi da polso di nuova generazione capaci di sincronizzarsi con i telefoni cellulari visualizzando informazioni sullo schermo. La applicazione, al momento disponibile per gli SmartWatch2 della Sony, permetterà ai clienti di monitorare l’andamento delle loro azioni, precedentemente selezionate, direttamente dallo schermo dell’orologio. Se qualcosa attira la loro attenzione, basta toccare il nome di una azione per visualizzare maggiori informazioni da uno smartphone o da un tablet. La app è già disponibile come parte della piattaforma di e-banking per Android e può essere scaricata gratuitamente dallo store Google Play o dallo app store di CaixaBank, CaixaMóvil Store.

Trova la filiale e converte la valuta

Sempre nel filone del wearable banking, CaixaBank ha anche annunciato un servizio per i Google Glass, gli occhiali “smart” che Google sta attualmente testando (il rilascio di una prima versione commerciale dovrebbe avvenire nel corso del 2014). La applicazione offre due dei servizi più utilizzati dai clienti di CaixaBank sui terminali mobili: la ricerca della filiale più vicina e il convertitore di valuta. Grazie alla realtà aumentata, trovare uno sportello nei dintorni sembra una missione decisamente più semplice rispetto alla consultazione di una cartina: basta infatti guardarsi intorno per visualizzare le indicazioni su dove andare, quanta strada resta ancora da percorrere e, eventualmente, il numero di telefono della filiale, per verificare gli orari di apertura o anticipare il proprio arrivo a un consulente. La navigazione potrà anche avvenire attraverso comandi vocali: basterà “parlare” ai Google Glass dicendo dove ci si trova per visualizzare tutte le filiali nei dintorni.

CaixaBank GoogleGlass

Basta uno sguardo

Si basa sempre sul movimento oculare anche la funzione di convertitore di valuta. In questo caso, il cliente deve semplicemente attivare la applicazione e inquadrare con i Glass il cartellino che riporta il prezzo di un prodotto: la app riconosce cifre e valuta, sovrapponendo in tempo reale la loro conversione nella valuta del cliente. Il servizio di conversione è disponibile da e verso tutte le monete del mondo. Entrambe le applicazioni per Google Glass sono pronte al lancio, in attesa che Google apra ufficialmente la vendita di applicazioni per i suoi occhiali intelligenti negli Stati Uniti.

All’ATM il tastierino personalizzato

Anche il mondo dei fornitori di tecnologia si sta muovendo in questa direzione. All’ultimo Wincor World, ad esempio, Wincor Nixdorf ha presentato un prototipo di soluzione per Google Glass: attivandola al momento della digitazione del PIN presso un ATM, visualizza sugli occhiali dell’utente un tastierino numerico diverso da quello della macchina. Il PIN viene così inserito in piena sicurezza, in quanto il numero corrispondente a ciascun tasto è visibile esclusivamente da cliente, evitando il rischio di skimming.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti