20 Giugno 2024, giovedì
HomeItaliaEconomiaInfonet, una soluzione per monitorare i concordati in bianco

Infonet, una soluzione per monitorare i concordati in bianco

Infonet ha annunciato un nuovo servizio per il monitoraggio camerale. La soluzione permetterà ai clienti bancari di ricevere una notifica e-mail nel caso i loro debitori depositino una domanda di concordato in bianco. Le aziende fallimentari non hanno alcun obbligo di informare i propri creditori dell’avvenuta richiesta: il tribunale, però, è tenuto a comunicare il deposito della domanda al solo registro delle imprese.

Qui si inserisce l’azione di Infonet, che acquisisce settimanalmente, a livello nazionale, l’elenco delle variazioni camerali riguardanti modifiche legali, societarie e finanziarie delle società monitorate, evidenziando in tempo reale tutte le modifiche che intervengono sul pacchetto clienti sottoposto a controllo; ad esempio: trasferimenti di sede, sostituzione degli amministratori, aperture/chiusure di unità locali, fusioni societarie e tutte le informazioni di dettaglio relative alla proposta di concordato.

«L’Istituto del Concordato in Bianco è nato con la “buona intenzione” di offrire alle Aziende un ulteriore strumento per far fronte alle difficoltà congiunturali – dichiara Jacopo Moresco, Amministratore Delegato di Infonet. Il boom di richieste, rilevate in questi ultimi mesi, sicuramente è il riflesso diretto della recessione che il Paese sta vivendo ma lascia presagire, come testimoniato direttamente da molte banche e aziende nostre clienti, anche situazioni di abuso generalizzato. L’unica tutela per i creditori è rappresentata dall’accertamento preventivo dello stato di salute della propria controparte commerciale, al fine di mettere in atto delle misure cautelari».

Secondo l’indagine di Infonet risulta che da settembre 2012 a gennaio 2014, sono circa 5.602 le imprese che hanno depositato una domanda di attivazione della procedura. Solo nell’ultimo semestre, sono 1.510 le istanze registrate, per una media di 250 pratiche/mese, con una forte impennata a Gennaio 2014 che ha raggiunto quota 360, +44% rispetto alla media mensile.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti