25 Luglio 2021, domenica
Home Italia Economia Il prossimo 11 marzo , a Milano, si terrà il...

Il prossimo 11 marzo , a Milano, si terrà il corteo “Basta Suicidi, Equitalia azzera i debiti!”

luca miatton, partito dei cittadini-  rai, mediaset e la7 , sempre le stesse faccie. o si comportano bene o si comportano male, la visibilità viene data sempre agli stessi politiciIl prossimo  11 marzo , a Milano,  si terrà il corteo “Basta Suicidi, Equitalia azzera i debiti!”, indetto dalle Associazioni Movimento dell’Italia in Mutande  e ?Alt?. Hanno aderito i Forconi del Veneto ? Coordinamento 9 dicembre?

Corteo indetto per l’azzeramento dei debiti da parte di  Equitalia. Richiesta  di una sanatoria.

Si partirà alle ore 12,30 da Porta Venezia fino ad arrivare all’angolo con Via San Gregorio, sede di Equitalia.

Sfilando in un corteo,  ispirato al pacifismo,  le suddette Associazioni chiederanno ad Equitalia di azzerare tutte le posizioni debitorie in essere alla data del  31 dicembre 2011.  Si chiederà una sanatoria con lo scopo di soccorrere molti cittadini ed imprenditori ormai al collasso a causa dei debiti. Si vogliono prevenire atti estremi da parte dei cittadini esausti e terrorizzati dalla propria situazione debitoria , ritenuta irreversibile e motivo del loro crollo sociale, tale da condurli sui marciapiedi a chiedere l?elemosina .

Sarà un  corteo che sfilerà a favore dei diritti delle vittime della crisi , che porrà in luce l?eccessiva pressione di Equitalia, responsabile, secondo gli organizzatori, della morte di alcuni imprenditori.

” Saremo in tanti – sostiene Ivano Bono – del Coordinamento 9 dicembre – Forconi Veneto – e ci faremo sentire. Dobbiamo fare sentire la nostra voce. Equitalia deve ascoltarci!”

” Equitalia ? sostiene  Luca Miatton,  Presidente  del Movimento delle Mutande e dell?Associazione ?Alt? – è responsabile di aver causato la morte di molti imprenditori in quanto  si sono sentiti abbandonati quando Equitalia ha tolto loro la casa  ed i propri beni ed hanno deciso di suicidarsi.Dobbiamo assolutamente evitare che ciò continui e dobbiamo manifestare affinché il Governo trovi delle soluzioni che frenino quella  che si può definire  una vera e propria mattanza di esseri umani” .

” L’11 marzo è una data importante – aggiunge Biagio Maimone , Fondatore Associazione Progetto di Vita – perché è l’inizio di un nuovo percorso sociale che vede i cittadini coesi  nella rivendicazione del diritto alla tutela quando essi cadono nelle trame più tragiche della povertà , di cui l?indebitamento è la conseguenza più devastante perché butta sui marciapiedi  quanti in esso si trovano imbrigliati .

Noi dell’Associazione Progetto di Vita non ci saremo alla manifestazione,  anche se siamo i fautori della richiesta di un disegno di legge per l’azzeramento dei debiti da parte di Equitalia.

Lo Stato Italiano deve porgere loro la mano ed estrarli da una condizione che fa dell?essere umano un barbone , incapace ormai di reagire , che , crollato nella disperazione,  può  ricorrere  al suicidio .

Dobbiamo aprire la porta della speranza  a chi non ha più denaro , ricreare le basi da cui si possa ripartire per non morire ai bordi di un marciapiede .

E? questa la democrazia, essa  si configura solo in termini di amore per popolo, al di là della sterile retorica .  L?indebitamento è la conseguenza di un?economia  che sta morendo . Lo Stato,   che ha dimostrato di elargire contributi a favore di Regioni che non hanno saputo governare, deve  elargire  un altrettanto necessario ed adeguato  contributo per  chiudere lo stato debitorio dei cittadini nei confronti di Equitalia .

E? questa la democrazia, essa  si configura solo in termini di amore per popolo, al di là della sterile retorica .  L?indebitamento è la conseguenza di un?economia  che sta morendo . Lo Stato,   che ha dimostrato di elargire contributi a favore di Regioni che non hanno saputo governare, deve  elargire  un altrettanto necessario ed adeguato  contributo per  chiudere lo stato debitorio dei cittadini nei confronti di Equitalia .
I cittadini meritano tale intervento . Esso non è solo un atto di civiltà , è , innanzitutto, il presupposto  per riammettere nel circuito economico quanti ne restano esclusi e farli diventare forza propulsiva dello sviluppo economico.”
E aggiunge  : “le rivendicazioni sociali sono importanti  e sono efficaci se non accompagnate dalla violenza e dagli scontri con le forze dell’ordine.  Noi avalliamo, invece,  ogni comportamento che si ispira alla protesta non violenta di tipo gandiano  e cristiano”.
All’inziativa parteciperanno i Forconi Veneto – Coordinamento 9 dicembre con l’avvallo del Coordinamento nazionale
Sponsorizzato

Ultime Notizie

Green pass tra gioie e dolori: l’economia, forse, riparte

Con l'indice Rt che schizza a 1,26 l'approvazione del green pass è l'àncora di salvezza per numerose attività che hanno sofferto la...

Comunicato stampa: Premio Castello Sotto Le Stelle 2021

Aci Castello. Grande attesa per il Premio Castello Sotto Le Stelle 2021, in programma giovedì 22 luglio alle...

Tokyo: Buongiorno Italia; via alle gare, Malagò parla al Cio

A due giorni dalla cerimonia inaugurale, Tokyo 2020 è già partita con il prologo delle sue gare e a dare il via...

Letta tira dritto sul ddl Zan e il Pd fa muro contro gli attacchi di Renzi

Dalla giustizia al ddl Zan, Matteo Renzi ha ormai messo nel mirino il Partito Democratico e il suo segretario, Enrico Letta.

Commenti recenti