20 Giugno 2024, giovedì
HomeNewsVito Marinelli, l'ex portavoce di Vendola, passa col candidato di Fi

Vito Marinelli, l’ex portavoce di Vendola, passa col candidato di Fi

Da portavoce di Nichi Vendola a portavoce del candidato sindaco di Raffaele Fitto. Passando per una sconfitta alle primarie come candidato di Sel. È la parabola politico-professionale di Vito Marinelli, 54 anni, giornalista alla sede pugliese della Rai e volto noto del tiggì regionale, gay dichiarato, da sempre in prima linea nelle battaglie per i diritti degli omosessuali tanto da essere stato tra gli organizzatori del Gay Pride del 2003 a Bari, e tanto da finire nel 2001 al centro di una polemica per presunte discriminazioni sessuali nei suoi confronti all’interno dell’azienda di Stato. Ebbene, da qualche giorno Marinelli, cronista con la passione per la musica ethno nonché valido dj, è passato armi e bagagli sotto l’ombrello di Domenico Di Paola, l’ingegnere ex presidente di Aeroporti di Puglia ora candidato sindaco di Bari con la lista civica Impegno Civile, fortemente sostenuto da Fitto e quindi da Forza Italia. Attorno alla figura di Di Paola si sta infatti cercando di riunire l’intero schieramento di centrodestra, a partire dagli alfaniani di Ncd fino agli ex An di Fratelli d’Italia; l’obiettivo è quello di strappare il capoluogo al centrosinistra, dopo dieci anni di governo di Michele Emiliano. Marinelli dovrà dunque organizzare la campagna elettorale contro il candidato del Pd, il renziano Antonio Decaro, fresco di vittoria alle primarie con consueta coda di polemiche. E poco importa se a Decaro sia arrivato già da tempo l’appoggio di Sel, il partito di quel governatore (Vendola) di cui Marinelli è stato portavoce dal 2005 al 2010, e pure il partito che ha sostenuto lo stesso Marinelli nell’avventura delle primarie di Terlizzi. Era infatti il 2012 quando l’ex capo ufficio stampa della giunta Vendola si candidò in quota Sel alle consultazioni del centrosinistra, ma venne sconfitto dall’uomo del Pd, Michele Berardi. Andò a finire nel peggiore dei modi: Terlizzi, Comune in provincia di Bari di cui è originario lo stesso Nichi e fino a quell’anno in mano al Pd, passò al centrodestra con la vittoria di Ninni Gemmato. Qualche tempo dopo Marinelli si consolò con la presidenza del conservatorio di musica «Nino Rota» di Monopoli, incarico conferitogli dall’allora ministro all’Istruzione del Governo Monti, Francesco Profumo. Adesso torna nell’agone politico facendo il portavoce del candidato di Fitto. Chissà come l’avrà presa Vendola.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti