21 Maggio 2024, martedì
HomeNewsClienti digitali, ma col volantino

Clienti digitali, ma col volantino

Se gli italiani per decidere cosa comprare si rivolgono sempre di più ai canali digitali, informandosi sul web dal pc, o comparando i prezzi sullo smartphone mentre sono fuori casa, ci sono settori in cui gli stessi consumatori si rivolgono ancora ai mezzi tradizionali. Un esempio su tutti è il volantino cartaceo, che regna incontrastato quando si tratta di fare la spesa al supermercato, o la moda e l’abbigliamento, per il quale l’esperienza nel punto vendita fisico è ancora centrale.

Chiaramente stiamo parlando in generale di un consumatore sempre più multicanale, come sottolinea l’indagine dell’Osservatorio Multicanalità 2013, condotta da Nielsen, Connexia e dalla School of Management del Politecnico di Milano, basandosi su un campione di individui che si sono connessi a internet nell’ultimo anno (31,5 milioni, pari al 60% della popolazione di riferimento). Dalla ricerca emerge che ormai il 50% è multicanale, con il 78% dei consumatori che pensa che la rete sia la fonte principale per la ricerca di informazioni su prodotti e servizi, mentre sono 3,7 milioni quelli che hanno effettuato almeno dieci acquisti online in un anno, con una crescita delle attività di e-commerce da dispositivi mobili (l’11% da smartphone, superando così il tablet, utilizzato dal 10%). Tendenze, queste, che sarebbero confermate anche da un’indagine della società di consulenza PwC diffusa sempre ieri, secondo cui il 12% degli italiani acquista da device mobili e il 47% usa i social media per seguire un brand e per scoprirne di nuovi.

Tuttavia, non per tutti i tipi di prodotti ci si comporta nelle stesso modo. «Abbiamo notato un’incidenza asimmetrica della multicanalità sui diversi settori», spiega Christian Centonze, targeting e segmentation manager di Nielsen. «Da una parte abbiamo l’elettronica di consumo e i servizi, bancari, assicurativi, utility e telefonia, che sono estremamente digitalizzati. L’impatto è tale da imporre a chi compete in questi settori un ripensamento complessivo che spazia dalla ridefinizione del ruolo dei punti vendita fisici alla costruzione di una value proposition in grado di sfuggire a una competizione meramente di prezzo».

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti