17 Giugno 2024, lunedì
HomeItaliaEconomiaDebiti Pa, lo sblocco dei pagamenti riporta al centro la partita sulla...

Debiti Pa, lo sblocco dei pagamenti riporta al centro la partita sulla Cdp

Pagamento «totale» dei debiti della pubblica amministrazione e sostegno delle Pmi attraverso fondi di garanzia. Nel suo discorso al Senato per la fiducia il nuovo premier Matteo Renzi ha rilanciato due strumenti che erano già stati adottati con legge dal governo Letta, ma che sinora sono rimasti sulla carta. E questo, come ha spiegato la senatrice di Scelta Civica Linda Lanzillotta, «per le resistenze incontrate all’interno del ministero del Tesoro». È la legge di stabilità 2014 approvata a fine 2013 a prevedere, in particolare, un meccanismo che consentirebbe di pagare subito circa 70 miliardi di debiti della Pa attraverso l’anticipazione bancaria. Il sistema prevede che sui debiti scaduti e certificati sia messa una garanzia dello Stato. Sulla base della garanzia il sistema bancario potrebbe rilevare i crediti dando liquidità alle imprese e ottenendo al contempo un effetto migliorativo sui bilanci perchè si tratta di crediti garantiti dallo Stato.

A quel punto, le pubbliche amministrazioni, trovandosi come creditore le banche, potrebbero ristrutturare il debito con gli istituti di credito su base pluriennale. In caso, invece, di morosità le banche potrebbero cedere (con un tetto annuale) il credito alla Cdp che potrebbe ristrutturarlo su basi più lunghe.

La legge di stabilità fa riferimento a un decreto con il quale il ministero dell’Economia deve definire criteri e modalità della garanzia di Stato sui crediti: quel decreto non ha mai visto la luce. «Renzi si riferiva a due meccanismi precisi contenuti nella legge di stabilità che non sono stati attivati per le resistenze incontrate all’interno del Tesoro – ha detto Lanzillotta – uno riguarda l’utilizzo della Cdp per accelerare il pagamento dei debiti della pubblica amministrazione e l’altro per garantire i crediti alle Pmi».

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti