25 Febbraio 2024, domenica
HomeNewsAlfano propone legge elettorale ad avvio ritardato

Alfano propone legge elettorale ad avvio ritardato

Angelino Alfano vuole cambiamenti radicali. Vuole che si facciano le riforme. “Per realizzare la riforma costituzionale e rendere credibile che davvero cambiamo il senato così com’è e che davvero modifichiamo la grande confusione tra Stato e Regioni, sarà indispensabile approvare una norma che attribuisce alla legge elettorale una sua immediata applicabilità, appena compiuto il cammino delle riforme”, ha sottolineato il leader del Ncd, aggiungendo che: “altrimenti finirà che approviamo la legge elettorale per andare al voto e che facciamo finta di fare le riforme”.

Questo potrebbe essere uno di quei cambiamenti che rendeono l’alleanza col Pd più digeribile ad Alfano: “Per partecipare ad un governo con la parte politica che riteniamo noi avversa, cioé con il Pd, bisogna che ci si proponga cambiamenti davvero radicali e misure rivoluzionarie. Tanto per essere chiari qual è l’atteggiamento del Nuovo centrodestra. E ha aggiunto Alfano: “Noi crediamo ad un governo che abbia veramente una straordinaria capacità riformatrice. Perché questa si sprigioni ovviamente non si può campare 6-7-8 o 10 mesi. Questa era la prospettiva del governo precedente. Se noi vogliamo dare un’impronta radicalmente riformatrice al nuovo governo dobbiamo avere un po’ di tempo a disposizione e non si può giocherellare dicendo facciamo la legge elettorale e andiamo al voto”. Poi un pensiero agli ex: “Occorrerà che anche i colleghi di FI si rassegnino a riconoscere che nella primavera 2015 non si andrà al voto”.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti