5 Marzo 2024, martedì
HomeNewsUna voluntary da semplificare

Una voluntary da semplificare

Un rimpatrio light per importi fino a 5 mln di euro, imposte dovute a forfait, estensione del rimpatrio alle società e termini per l’accertamento ridotti. Sono queste alcune modifiche che Daniele Capezzone, presidente della commissione finanze della camera sta studiando e preparando per il decreto legge 4/2013 sulla collaborazione volontaria che ha iniziato il suo esame presso la VI commissione nei giorni scorsi. «Senza modifiche», dichiara Capezzone a ItaliaOggi, «la voluntary disclosure rischia di essere un flop». Il provvedimento potrebbe approdare in aula i primi di marzo concludendo il suo esame davanti la commissione entro la fine del mese e lasciando lo spazio per le correzioni tra il 17 e il 20 febbraio prossimi.

Domanda. Il provvedimento sulla voluntary disclosure funziona?
Risposta. È un provvedimento deludente. Lasciando da parte polemiche propagandistiche sulle opinioni della sinistra che, non più tardi di un anno fa, su un accordo fiscale con la Svizzera, ci dissero che una tale soluzione era impossibile da trovare, ora che è possibile arrivare in qualche modo a un accordo, il governo non aspetta la conclusione del negoziato ma mette il carro davanti ai buoi stabilendo che in nessun caso gli esiti del negoziato potranno discostarsi dai contenuti del decreto stesso.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti