15 Maggio 2021, sabato
Home News Condannati, spese da dividere

Condannati, spese da dividere

Il recupero delle spese sostenute nelle indagini per le intercettazioni telefoniche si divide in parti uguali tra tutti i condannati. A precisarlo, lo schema di decreto del ministero della giustizia sul recupero delle spese del processo penale, che ha avuto parere favorevole del Consiglio di Stato (n. 421/2014 del 4/02/2014).Il provvedimento, che sostituirà il vigente decreto ministeriale 111/2013, chiarisce alcuni dubbi interpretativi. In prima battuta, infatti, va precisato che la misura del recupero delle spese del processo penale anticipate dall’erario è stabilita con decreto del ministro della giustizia. Una prima ipotesi è quella del recupero forfetizzato. In materia va precisato che le spese del processo penale anticipate dall’erario sono recuperate nei confronti del condannato in misura fissa, senza vincolo di solidarietà. Le spese previste nel vigente decreto ammontano, a 180 euro per il dibattimento di primo grado, a 150 euro per una remissione di querela, a 60 euro per un patteggiamento, e così via.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Più di 70 mila imprese rischiano di chiudere, quasi 20 mila al Sud

Sono a forte rischio di espulsione dal mercato 73.200 imprese italiane tra 5 e 499 addetti, il 15% del totale, di cui quasi...

COMUNICATO STAMPA

PREMIO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE PER LA POESIA E LA NARRATIVA“MARIA DICORATO” L’Associazione Pro(getto) Scena Edition ETS nasce con l’obiettivo...

Draghi:”Bisogna investire sulle donne e sulla possibilità di avere figli”

"Un'Italia senza figli è un'Italia che non crede e non progetta. È un'Italia destinata lentamente a invecchiare e scomparire.

Commenti recenti