25 Febbraio 2024, domenica
HomeItaliaEconomiaTrasparenza, regime fantasma

Trasparenza, regime fantasma

L’agenzia delle entrate quest’anno ha deciso di ignorare il regime fiscale “fantasma” previsto dal decreto “salva-Italia”: nei modelli per la dichiarazione dei redditi 2014, infatti, non figura più la casella per la scelta del particolare regime che promette(va) ai contribuenti, in cambio della trasparenza dei conti, diversi vantaggi fra i quali l’abbandono degli scontrini fiscali, rapidità dei rimborsi Iva e compensazioni dei crediti libere da lacci e laccioli. Tutto sulla carta, perché le disposizioni di legge contenute nell’art. 10 del dl n. 201/2011 non sono mai state attuate.
Per due anni consecutivi, comunque, nei modelli della dichiarazione dei redditi delle persone fisiche e delle società di persone è stato previsto lo spazio per la comunicazione dell’opzione (es. rigo VS36 di Unico 2013 persone fisiche). Ma di questo spazio, nei nuovi modelli 2014 approvati dall’agenzia il 31 gennaio scorso, non c’è traccia. E così la norma varata dal governo Monti al suo esordio sembra inesorabilmente destinata al museo del tempo perduto, delle energie sprecate e delle promesse mancate.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti