29 Febbraio 2024, giovedì
HomeItaliaEconomiaNasce il popolo d'Italia. Il Partito a favore dei poveri

Nasce il popolo d'Italia. Il Partito a favore dei poveri

SIMBOLO_PDI[1]Nel panorama politico italiano si colloca un nuovo partito, appena costituitosi, che si prefigge di porsi al servizio delle persone più deboli della nostra società, il cui Segretario Nazionale è Francesco De Iaco.

Il 5 ottobre,  a Salerno, difatti, ha visto il suo battesimo un nuovo partito politico denominato P.D.I., “Popolo d’Italia” ,  che è stato presentato dal Coordinatore Nazionale Marco Falvella , già presidente dell’Aivit, Associazione internazionale delle vittime del terrorismo,   e dal Presidente Antonino Magistro . 

In soli pochi giorni il Partito si è arricchito di nuovi collaboratori, fra i quali l’ Avvocato Francesco De Iaco , noto per aver difeso Cosima Serrano nel caso Sarah Scazzi,  Biagio Maimone , Fondatore dell’Associazione “Progetto di Vita”, che porta con  sé il progetto di costituire un “partito politico” veramente al servizio dei cittadini. 

Biagio Maimone vuole offrire il proprio contributo mettendo a disposizione l’esperienza maturata nell’ambito del “sociale”, in cui ha profuso il suo impegno a favore di chi è  emarginato dalla società civile.

” E’ importante  impegnarsi anche a livello politico” afferma Biagio Maimone “e non basta esserlo  solo a livello associativo,  per  dare voce altisonante a chi non ce l’ha. La povertà è aumentata perché la politica ha gestito male l’economia del nostro Paese e, per tale ragione , vogliamo orientare l’azione politica verso progetti economici,  che risollevino l’Italia dallo stato di povertà in cui è caduta. Dobbiamo , innanzitutto ,  risollevare dallo stato di povertà i più deboli ed i poveri,  condizione imprescindibile per risalire la china. Occorre partire dalla base. Dobbiamo ridare dignità a chi l’ha persa, nel corso degli ultimi anni, ponendo in essere azioni concrete e decise”. “Nessuno è solo” è lo slogan di  “Progetto di Vita”, e lo sarà anche  del “Popolo d’Italia”.

La politica deve uniformarsi a criteri di  verità e di  giustizia, essere  promotrice di azioni che creino nuove opportunità di lavoro, che generino pace sociale, cooperazione , speranza e libertà imprenditoriale. E’,  senz’altro,  un nuovo modo di intendere la politica,  che non può non essere vicina alle esigenze dei cittadini , se deve amministrare la vita delle nostre città.

Sovrano deve  essere il popolo e sovrana la risoluzione dei problemi che esso vive .

In definitiva, faremo vivere un impegno  politico che possa definirsi “a misura d’uomo”.

Ufficio Stampa

 

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti