26 Febbraio 2024, lunedì
HomeItaliaEconomiaComunione legale ad ampio raggio

Comunione legale ad ampio raggio

Comunione legale (immediata) anche sulle partecipazioni possedute in società personali e conseguente imputazione al 50% dei proventi ai coniugi per la relativa tassazione. Con il documento n. 26 di dicembre 2013, l’Istituto di ricerca dei dottori commercialisti e degli esperti contabili (Irdcec) è intervenuto sulla disciplina tributaria, inerente ai beni in comunione legale patrimoniale, rappresentati soprattutto da compendi immobiliari e da partecipazioni. Il diritto di famiglia è impostato, allo stato attuale, sulla perequazione economica e sociale dei coniugi, come si evince chiaramente dagli artt. 159 e seguenti del codice civile, stabilendo che, in mancanza di altra convenzione matrimoniale (separazione), quello della comunione è il regime naturale per i matrimoni contratti a partire dal 20/09/1975. Gli articoli 177 e 179 c.c. individuano i beni personali e quelli comuni, disponendo che i primi entrano a far parte della comunione legale al momento dell’acquisto (cosiddetta «comunione immediata»), mentre gli altri soltanto allo scioglimento della medesima comunione, se ancora esistenti (cosiddetta «comunione de residuo»).

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti