23 Febbraio 2024, venerdì
HomeMondoLa super Ipo di Twitter inaugura la corsa al rialzo del digital...

La super Ipo di Twitter inaugura la corsa al rialzo del digital business

Il segnale inviato dai mercati con la quotazione in borsa di Twitter è stato forte e chiaro. Strappando verso l’alto nel giorno dell’Ipo fino a toccare valori massimi vicini al 100% di rialzo rispetto al valore di collocamento, il titolo della società di microblogging più conosciuta e utilizzata al mondo ha segnalato che occorre iniziare a leggere i titoli legati alla tecnologia con lenti diverse da quelle che troppo spesso si limitano a valutare i fenomeni del settore con l’utilizzo dell’opzione binaria bolla/non bolla. Certamente i valori borsistici di Twitter sono da capogiro e lasciano aperti molti dubbi sulla effettiva capacità di questa impresa di produrre utili futuri adeguati a giustificare tale livello di valorizzazione e di capitalizzazione. Ma è anche vero che nel caso di Twitter il mercato sta scommettendo, almeno in parte, su opzioni reali che Twitter ha in sé e che sono valorizzabili in maniera diversa rispetto ad altri titoli della cosiddetta digital economy. In particolare la piattaforma è vista come un componente potenzialmente unico per distribuire e commercializzare contenuti editoriali. Twitter ha per il mondo dell’editoria digitale il fascino e le potenzialità di upside che l’Amazon dei primi passi aveva per l’e-commerce. Sbagliava allora chi relegava la valutazione della piattaforma e del modello di business della società fondata da Jeff Bezos alla sola commercializzazione dei libri e dei Cd, sbaglia oggi chi considera Twitter uno strumento di intrattenimento informativo o una chat breve per scambiare opinioni volatili. Twitter non è un social media, ma una piattaforma tecnologica in grado di commercializzare tutta una serie di contenuti a valore aggiunto che i suoi ormai quasi quattrocento milioni di utilizzatori nel mondo potranno decidere di consumare o meno. E Twitter, se agirà bene, ha maggiori potenzialità di creare barriere all’entrata a difesa del suo modello di business e del suo ebitda rispetto alle Facebook o alle Groupon.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti