13 Luglio 2024, sabato
HomeItaliaEconomiaRehn, l'Europa spera che la spending review italiana riduca il debito

Rehn, l’Europa spera che la spending review italiana riduca il debito

Il programma di revisione della spesa pubblica “appena lanciato” dal governo italiano è visto “con grande favore” dal vicepresidente della Commissione Ue, Olli Rehn, il quale auspica che porti a una riduzione del debito pubblico “già nel 2014” in modo da “preparare il terreno” alla possibilità per l’Italia di beneficiare della clausola di investimenti, su cui oggi Bruxelles ha detto no. L’Italia rispetterà nel 2014 i target di deficit ma non quelli del debito e per questo la Commissione non ha potuto concedere la possibilità di beneficiare della clausola che esonera gli investimenti produttivi dal calcolo del debito; ma, ha spiegato il vicepresidente della Commissione Olli Rehn, sarà possibile “preparare il terreno” per un suo utilizzo se l’Italia riuscirà, attraverso il programma di spending review, ad ottenere i primi risultati nel 2014 in termini di “sforzi di risanamento in termini strutturali pari ad almeno il 0,5% del Pil”.  In Italia ogni giorno “è molto delicato”, ha detto il vicepresidente della Commissione Ue Olli Rehn commentando la situazione politica nel nostro paese, rispondendo a una domanda sulla difficoltà che incontrerà il governo a far fronte al “no” europeo alla possibilità di beneficiare della clausola sugli investimenti.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti