20 Settembre 2021, lunedì
Home Italia Economia Evasione fiscale all’italiana: 6 trucchi, dalle false fatture alle Cayman

Evasione fiscale all’italiana: 6 trucchi, dalle false fatture alle Cayman

Evasione fiscale all’italiana: 6 trucchi per frodare il Fisco. Come evadono le tasse gli italiani ce lo dice il Rapporto 2013 dell’Unità di Informazione Finanziaria: il classico “spallone” fa ancora la spola con la Svizzera, ma i metodi, anzi gli “schemi d’evasione”, sono tanti quanti la fantasia criminale (perché di un crimine si tratta) può escogitarne. Con l’aiuto del Sole 24 Ore che li ha messi in fila, vediamo in dettaglio, quali sono quelli più utilizzati dagli italiani.
Conti correnti privati per i movimenti dell’azienda. Schema collaudato, funziona così: l’impresa dirotta su parenti o amici consenzienti una fetta dei ricavi invece che registrarli sui bilanci aziendali. In questo modo, la diluizione dei ricavi consente l’elusione di una fetta della tassazione prevista. Molto popolare, nel 2012 ci sono state 5 mila segnalazioni.
Carte elettroniche. Si sta assistendo alla diffusione di un uso anomalo di carte elettroniche (carte di credito, carte prepagate). Un vero boom, segnala l’Unità di Informazione Finanziaria. Proliferano soggetti titolari di un numero “elevatissimo di carte”: autentici prestanome, i quali, nel circuito illegale dei pagamenti elettronici, eludono il tetto di mille euro al contante, consentendo tranquille transazioni totally black, invisibili e non tracciabili.
Rientri sospetti da scudo fiscale. 300 segnalazioni sono pervenute su fondi in rientro coperti dallo scudo fiscale e reinvestiti con operazioni in conto corrente.
Flussi di contante sospetti. La necessità di rendere il più possibile tracciabili i pagamenti resta una questione politica controversa (il Pdl contesta il tetto al contante a mille euro e c’è chi propone di elevarlo a 5 mila). Per chi si occupa di contrasto all’evasione fiscale, i flussi di cash restano una spia preziosa per scoprire il nero accumulato.
Falsa fatturazione. Un classico nei manuali del perfetto evasore: false fatturazioni per operazioni mai esistite. La fattura può essere falsa integralmente (nessuna operazione, inesistenza oggettiva). Poi si può parlare di sovrafatturazione o sottofatturazione: “ad esempio, l’aumento dell’esborso indicato (supponiamo: da 20 a 100 euro) per accedere a maggiore deduzioni sui costi e/o detrazioni delle imposte”. Mai passata di moda, infine, è la “frode carosello”: una società di comodo si mette tra venditore e acquirente reali, dichiara di cedere il bene e ci incassa l’Iva sopra.
Paradisi fiscali. Spiagge a perdita d’occhio e riservatezza impenetrabile, specie sulle ricchezze affluenti: si mette insieme il gruzzolo nel paese d’origine,si trasferiscono in società di comodo nella più totale “opacità proprietaria, reddituale e finanziaria” e si sfruttano i segreti bancari o le aliquote più vantaggiose dei paesi d’approdo.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA: al via le riprese di “sartu’ ” la sitcom che coniuga comicità e cucina

Maurizio Mattioli ed Enzo Salvi, esilaranti protagonisti dell’”Italian Comedy” sono i brillanti interpreti di Sartu’, un nuovo format televisivo prodotto dalla “MAX...

Putin, Russia Unita conferma la sua leadership

Il presidente russo Vladimir Putin stima "positivamente" il risultato elettorale del suo partito Russia Unita nelle legislative svoltesi tra venerdì a domenica....

Al via da oggi con la terza dose. In Israele, l’efficacia torna al 95%

L'Italia parte oggi con la terza dose per le persone immunocompromesse, trapiantati e malati oncologici con determinate specificità, circa tre milioni di...

Alitalia pubblica il bando per la cessione del marchio

Parte la gara per la cessione del brand Alitalia. La società in amministrazione straordinaria ha infatti pubblicato su diversi quotidiani l'invito agli...

Commenti recenti