8 Maggio 2021, sabato
Home Italia Economia Xi Jinping sulla Via della seta

Xi Jinping sulla Via della seta

Con il suo recente viaggio lungo quella che un tempo era nota come Via della seta, il Presidente Xi Jinping ha visitato le repubbliche centro-asiatiche, partendo dal primo partner della Cina per investimenti diretti: il Kazakistan. Xi ha ribadito con i fatti l’intenzione di proseguire una massiccia politica di investimenti nell’area, dove il solo Kazakistan raccoglie investimenti diretti esteri cinesi per un totale di 30 miliardi di dollari Usa.

Il discorso tenuto da Xi presso l’Università Nazarbayev di Astana ha posto l’accento sul rilancio dei rapporti economico-culturali che legavano l’Asia Centrale e la Cina durante il passato splendore della Via della seta, puntando alla rinascita di una Silk road economic belt. Centrale per il rilancio dell’area sarebbero il libero transito di merci, l’abbattimento di barriere doganali, la piena convertibilità delle valute e una modernizzazione delle infrastrutture logistiche.

Russia contro il made in China
La linea espressa da Pechino risulta in netto contrasto con la visione eurasiatica del Presidente russo Vladimir Putin, la cui Unione doganale – che include lo stesso Kazakistan – intende contrastare l’invasione di prodotti made in China nell’area.

Intanto la politica di sicurezza energetica intrapresa da Pechino negli scorsi anni in Asia centrale prosegue con maggior impeto, con il lancio del nuovo gasdotto Beineu-Bozoy-Shymkent, la cessione dell’8% dei diritti di estrazione nelle aree di Kashagan e di quelli off-shore nel Mar Caspio a China national petroleum corporation (cinque e tre miliardi di dollari Usa rispettivamente) e il recente accordo con il Turkmenistan per la fornitura annuale di 25 miliardi di metri cubi di gas.

Anche la tappa a Dushanbe del tour di Xi ha avuto l’energia come tema centrale. Il Presidente tagiko Emomali Rakhmon ha concordato sulla necessità di avviare al più presto la costruzione della tratta D del gasdotto che collega l’Asia centrale alla Cina.

Al tempo stesso, la volontà espressa da Rakhmon di instaurare un partenariato strategico con la Cina è in linea con le dichiarazioni del Presidente kazako Nazurbayev, che mira a portare a 40 miliardi di dollari Usa l’interscambio tra la Cina e il Kazakistan entro il 2015, mettendo in luce il futuro ruolo che lo yuan avrà rispetto al rublo nelle economie locali.

Infrastrutture
Anche in Uzbekistan, seconda tappa del tour centro-asiatico, gli investimenti infrastrutturali cinesi sono stati al centro degli incontri. La firma degli accordi per il potenziamento delle linee ferroviarie che collegano Kirghizistan, Uzbekistan e Cina e l’ambizioso progetto lanciato alcuni anni or sono per la connessione ferroviaria Uzbekistan-Pakistan-Afghanistan porteranno all’integrazione dei mercati attraverso treni e tunnel, destinati a divenire via d’accesso privilegiata per i manufatti cinesi nella regione. Inoltre è prevedibile che l’incremento dell’intercambio commerciale in tutta l’area avrà ricadute positive sul processo di stabilizzazione afghano, anche in vista del prossimo ritiro delle forze della Nato.

Per quanto concerne la sicurezza, la lotta al terrorismo e il contrasto al traffico di droga e armi sono rimasti in secondo piano durante i vari incontri bilaterali, ma sono stati discussi durante la riunione della Shanghai cooperation organization (Sco) tenutasi a Bishkek in Kirghizistan. La riunione della Sco ha dato inoltre la possibilità al presidente Xi di incontrare il presidente iraniano Rohani, che partecipa come osservatore: un’importante opportunità per discutere dell’apporto di Teheran alla sicurezza in Asia centrale e meridionale.

Ogni paese dell’Asia centrale è conscio che ulteriori investimenti cinesi nell’area possano rafforzare l’influenza politica della Cina negli anni a venire, mettendo fine all’odierna politica multi-vettoriale di attrazione degli investimenti cinesi e di contestuale mantenimento dei legami con la Russia.

Mentre i paesi con abbondanti risorse naturali come il Turkmenistan , il Kazakistan e l’Uzbekistan hanno più potere negoziale sui termini degli investimenti diretti esteri cinesi, Tagikistan e Kirghizistan hanno margini di manovra ben più stretti. Questi ultimi due paesi hanno la necessità di mantenere le importazioni di prodotti cinesi a basso costo senza però compromettere i legami con la Russia, meta dei lavoratori migranti dalle cui rimesse dipende buona parte del prodotto interno lordo nazionale.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Covid, Italia sempre più gialla, nessuna regione sarebbe rossa

L'Italia diventa sempre piu' gialla e nessuna regione dovrebbe essere rossa: la Valle d'Aosta dovrebbe, infatti, diventare arancione. Verso un cambio di colore...

COMUNICATO STAMPA:L’ARCIVESCOVO BATTAGLIA OSPITE AL COMITATO DI NAPOLI IN OCCASIONE DELLA GIORNATA MONDIALE DELLA CROCE ROSSA e MEZZALUNA ROSSA

L’ARCIVESCOVO BATTAGLIA OSPITE AL COMITATO DI NAPOLI IN OCCASIONE DELLA GIORNATA MONDIALE DELLA CROCE ROSSA e MEZZALUNA ROSSA S.E....

Dl Sostegni, salta ‘superbonus’ aziende.

La Ragioneria generale dello Stato boccia la norma inserita dal Parlamento del dl Sostegni per "la cedibilità del credito di imposta nell'acquisto...

Giovane uccisa nel Napoletano

Ylenia Lombardo, 33 anni, è stata uccisa a coltellate ieri pomeriggio a San Paolo Bel Sito (in provincia di Napoli). ...

Commenti recenti