18 Aprile 2024, giovedì
HomeItaliaEconomiaNapolitano: legge elettorale prima di esame della Consulta

Napolitano: legge elettorale prima di esame della Consulta

La riforma elettorale va fatta prima del prossimo pronunciamento della Corte costituzionale sul Porcellum. Il Parlamento non può dunque “naufragare nell’inconcludenza”. Lo ha detto il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, nel suo intervento all’assemblea dell’Anci a Firenze. “Stiamo giungendo a un nuovo limite estremo a questo riguardo: l’esame della questione cui la Corte costituzionale è stata chiamata e che essa condurrà nell’udienza fissata per il 3 dicembre. La dignità del Parlamento e delle stesse forze politiche si difende non lasciando il campo ad altra istituzione, di suprema autorità ma non preposta a dare essa stessa soluzioni legislative a questioni essenziali per il funzionamento dello Stato democratico. Non è ammissibile che il Parlamento naufraghi ancora, a questo proposito, nelle contrapposizioni e nell’inconcludenza”, ha detto Napolitano.

Appello Letta, fare riforme insieme – Il premier Enrico Letta rilancia sulle riforme ritenendo fondamentale questo processo per il bene del Paese. E, all’assemblea dell’Anci a Firenze, fa un appello a tutte le forze politiche per ‘fare insieme’ le riforme. “Non dobbiamo avere paura del cambiamento istituzionale” perché le riforme permetteranno “al nostro Paese di funzionare meglio”. Lo ha detto il premier Enrico Letta sottolineando che “se l’Italia non funziona è perché ha regole che non funzionano, regole vecchie”. Il metodo del governo è quello di ”dire poche cose e farle”, perché ”il Paese non ha bisogno di annunci roboanti”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Enrico Letta nel suo intervento all’assemblea nazionale dell’Anci, aggiungendo: ”Sono stati sei mesi in cui abbiamo lavorato insieme e abbiamo fatto tante cose, ne avremmo volute fare di più”.
Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti