8 Maggio 2021, sabato
Home News Tav a Chiomonte: fuoco nel cantiere

Tav a Chiomonte: fuoco nel cantiere

Ancora fiamme in Valle di Susa. Un incendio ha distrutto a Bussoleno un macchinario della Geomont, una delle ditte impegnate nei lavori per il Tav nel cantiere di Chiomonte. E’ il quindicesimo episodio di una serie che si trascina dagli inizi di luglio. Ci sono alcune differenze (gli sconosciuti sono entrati in azione in pieno giorno, l’innesco non è stato trovato) ma gli inquirenti hanno già accertato che il rogo è doloso come gli altri. Le indagini hanno portato alla scoperta di materiale che dimostra la volontarietà del gesto. E pochi minuti prima che il fuoco avvolgesse il mezzo – una perforatrice cingolata – l’azienda aveva ricevuto misteriose telefonate “mute”.

Dal mondo della politica (il governatore Roberto Cota, il presidente della Provincia Antonio Saitta, il sindaco Piero Fassino, Mino Giachino del Pdl, Mario Carossa della Lega) arrivano dichiarazioni di solidarietà alle imprese valsusine e di preoccupazione per l’escalation delle minacce e degli attentati, ma le news riportano anche lo sconforto del cantautore Roberto Vecchioni: “Quando scoppiò la grana del Tav pensai istintivamente che fosse un’ingiustizia. Ora non so più chi ha ragione”. “Basta con le intimidazioni No Tav in Val Susa”, commenta, su Twitter, il senatore del Pd Stefano Esposito, da sempre convinto sostenitore della nuova linea ferroviaria Torino-Lione. Intanto il sindaco di sinistra di un paese della bassa Valle, Antonio Ferrentino, interviene per denunciare chi “fa conferenze stampa o ribadisce che il sabotaggio è legittimo” con quello che sembra un attacco al leader storico del movimento No Tav, Alberto Perino, per le sue ultime prese di posizione.

Perino ieri ha trascorso buona parte della giornata al Palazzo di Giustizia di Torino. Al mattino ha preso parte al processo in cui è imputato di “violazione di sigilli” insieme a Beppe Grillo (non presente) e altri diciannove attivisti e simpatizzanti. La vicenda è quella della baita Clarea, il presidio simbolo dei No Tav, costruita nel 2010 e oggi inglobata dal cantiere: fu messa sotto sequestro dai carabinieri ma venne ripresa dai militanti (con dimostrazioni cui prese parte anche Grillo) che la tennero fino al febbraio del 2012. 

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Covid, Italia sempre più gialla, nessuna regione sarebbe rossa

L'Italia diventa sempre piu' gialla e nessuna regione dovrebbe essere rossa: la Valle d'Aosta dovrebbe, infatti, diventare arancione. Verso un cambio di colore...

COMUNICATO STAMPA:L’ARCIVESCOVO BATTAGLIA OSPITE AL COMITATO DI NAPOLI IN OCCASIONE DELLA GIORNATA MONDIALE DELLA CROCE ROSSA e MEZZALUNA ROSSA

L’ARCIVESCOVO BATTAGLIA OSPITE AL COMITATO DI NAPOLI IN OCCASIONE DELLA GIORNATA MONDIALE DELLA CROCE ROSSA e MEZZALUNA ROSSA S.E....

Dl Sostegni, salta ‘superbonus’ aziende.

La Ragioneria generale dello Stato boccia la norma inserita dal Parlamento del dl Sostegni per "la cedibilità del credito di imposta nell'acquisto...

Giovane uccisa nel Napoletano

Ylenia Lombardo, 33 anni, è stata uccisa a coltellate ieri pomeriggio a San Paolo Bel Sito (in provincia di Napoli). ...

Commenti recenti