15 Luglio 2024, lunedì
HomeItaliaEconomiaAcquisto immobile per affittare 

Acquisto immobile per affittare 

A cura di Alfredo Mariani 

Innanzitutto un rischio di concentrazione eccessiva. “La scelta di investire in un singolo immobile può portare a una situazione di scarsa, se non totale, mancanza di diversificazione e vulnerabilità a variabili specifiche”, ha spiegato il fondatore di Plannix.

Poi c’è sempre il solito rischio di liquidità, proprio dell’investimento immobiliare.
“Trasformare un investimento immobiliare in denaro liquido può essere un processo complicato e lungo”, ha aggiunto, perché vendere una casa può portare a perdite di valore dovute a valutazioni irrealistiche e distorsioni cognitive.

Il patrimonio è sempre strettamente legato al tema della tassazione, di conseguenza a un rischio fiscale. Il 58% degli italiani investe i propri risparmi nel mattone, per questo spesso si sente dire che “gli immobili sono il bancomat dello Stato”. Un possibile aumento della pressione fiscale sugli immobili può ridurre quindi i rendimenti.

C’è poi un rischio demografico, che “attualmente è il più sottovalutato, ma che presenta un potenziale esplosivo per il futuro”, ha proseguito Lixi, legato allo spopolamento che riduce la domanda di affitti, rendendo difficile trovare inquilini.

Legato al tema dell’acquistare casa in ottica da investimento, ci sono altri due rischi strettamente uniti al mondo degli affitti: il rischio di una rendita negativa e il rischio insoluto.

“Immobili vuoti o affittati a canoni insufficienti possono generare rendite negative a causa di tasse e costi di manutenzione”, ha spietato Lixi, che poi ha ricordato il rischio che gli affittuari non paghino l’affitto e quindi il rischio di procedure di sfratto lunghe con difficoltà economiche crescenti.

COSA FARE QUANDO SI AFFITTA CASA?

Prima di tutto bisogna “effettuare una verifica approfondita dell’inquilino prima di affittare, organizzando un incontro di persona”, ha spiegato Marra, che suggerisce poi di “stendere un contratto di locazione dettagliato e contenente tutte le clausole” necessarie per prevenire malintesi futuri. 

Come terzo punto, ricorda di “richiedere sempre un deposito cauzionale all’inizio del contratto, utile per coprire eventuali danni alla proprietà o pagamenti mancanti alla fine del periodo di locazione”, e di consegnare le chiavi solo a regolarità completata. 

Infine, si consiglia di valutare la possibilità di firmare una polizza assicurativa che copra eventuali danni materiali, anche causati dall’inquilino e di informarsi sui servizi che proteggono dalle perdite dovute alla morosità degli inquilini e assistenza legale.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti