18 Luglio 2024, giovedì
HomeItaliaCronacaUna tragica vicenda ha scosso la tranquillità di una crociera di lusso...

Una tragica vicenda ha scosso la tranquillità di una crociera di lusso a bordo della nave da crociera ‘Silver Whisper’

A cura di Ionela Polinciuc

Una tragica vicenda ha scosso la tranquillità di una crociera di lusso a bordo della nave da crociera ‘Silver Whisper’, battente bandiera delle Bahamas. Il decesso di un neonato ha gettato un’ombra di terrore e mistero su quanto accaduto a bordo, con una madre e due colleghe di lavoro ora agli arresti in attesa di chiarimenti sulla drammatica vicenda.

La Procura di Grosseto ha avviato un’indagine per scoprire le cause del decesso del neonato, focalizzandosi su due possibili scenari: omicidio volontario o negligenza criminale. La madre del bambino, una giovane filippina di 28 anni impiegata come addetta alle pulizie, è stata fermata insieme a due sue colleghe, accusate di concorso in omicidio.

Secondo quanto emerso dalle indagini, il neonato sarebbe stato lasciato per ore dentro un armadietto della cabina, mentre la madre e le sue compagne di stanza si alternavano nei turni di lavoro. La giovane filippina, che aveva tenuto nascosta la gravidanza per paura di perdere il lavoro, avrebbe nascosto il bambino e continuato a lavorare come se nulla fosse, senza mai chiedere aiuto o cercare cure per il neonato.

Il corpo del piccolo è stato scoperto dalla polizia dopo che alcuni colleghi dell’equipaggio avevano udito dei vagiti provenire dalla cabina. La nave, che era salpata da Trieste, è stata dirottata verso Porto Santo Stefano, dove sono intervenuti i carabinieri per indagare sulla tragedia.

L’autopsia del neonato verrà eseguita da esperti dell’Università di Siena per cercare di chiarire le cause del decesso. Nel frattempo, le tre donne coinvolte sono state condotte nel carcere femminile di Sollicciano a Firenze, in attesa dell’interrogatorio di garanzia.

La madre del neonato, visibilmente scossa e in stato di shock, ha dichiarato di aver nascosto la gravidanza per paura di perdere il lavoro, ma ha negato di voler danneggiare il suo bambino. Resta ora da chiarire se si sia trattato di un tragico incidente causato dalla negligenza o se ci siano responsabilità più gravi dietro a questa terribile vicenda.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti