28 Maggio 2024, martedì
HomeSaluteAppello per la difesa della sanità pubblica: l'universalismo a rischio

Appello per la difesa della sanità pubblica: l’universalismo a rischio

A cura di Ionela Polinciuc

Un gruppo eterogeneo di cittadine, cittadini e professionisti sanitari ha lanciato un appello urgente per la salvaguardia della sanità pubblica in Italia. Attraverso un documento dettagliato, il gruppo ha evidenziato le gravi criticità che affliggono il Servizio Sanitario Nazionale (SSN) e ha chiesto azioni immediate per garantire un accesso equo e universale ai servizi sanitari.

Secondo l’appello, il SSN è in uno stato drammatico a causa di anni di sottofinanziamento e di una gestione non ottimale delle risorse. L’emergenza pandemica ha esacerbato ulteriormente la situazione, mettendo in luce la fragilità del sistema e causando un aumento delle liste d’attesa, dell’accesso a prestazioni a pagamento e delle disuguaglianze nell’assistenza sanitaria.

Tra le principali richieste dell’appello vi è la necessità di aumentare il personale sanitario, rafforzare l’assistenza territoriale, mettere in sicurezza gli ospedali e rivedere l’organizzazione dei servizi di medicina generale e pediatrica. Inoltre, si chiede un maggiore investimento in ricerca pubblica e un intervento sul mercato farmaceutico per garantire un accesso equo ai farmaci.

Il documento sottolinea anche il rischio imminente di un’erosione dell’universalismo sanitario, con l’avvio di un sistema selettivo che favorirebbe i più disagiati e aggraverebbe le disuguaglianze sociali già presenti nel Paese.

L’appello chiama quindi all’azione urgente per garantire la messa in sicurezza del SSN e per difendere il diritto costituzionale alla salute per tutti i cittadini italiani. Si sottolinea l’importanza di trovare risorse finanziarie adeguate attraverso un sistema fiscale equo e progressivo, escludendo il ritorno a sistemi mutualistici-assicurativi.

Infine, si esprime preoccupazione per i segnali negativi provenienti dalla legge di bilancio del Governo, che sembrano andare nella direzione opposta, con risorse insufficienti per i servizi sociali e sanitari e l’introduzione dell’autonomia differenziata, che potrebbe consolidare le disuguaglianze regionali nel sistema sanitario.

Quindi, l’appello sottolinea che i provvedimenti necessari per garantire un SSN sicuro e universale non possono più essere rinviati e invita tutte le persone interessate a firmare, diffondere e condividere l’appello per difendere la sanità pubblica in Italia.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti