15 Aprile 2024, lunedì
HomeArte & SpettacoloMaria Mansueto, “Sentinella di Futuro”

Maria Mansueto, “Sentinella di Futuro”

A cura di Carla Cavicchini

Maria Mansueto, “Sentinella di Futuro”
mostra all’Orcio d’Oro dal 5 al 20 aprile 2024
L’artista senese, dopo i successi ottenuti in ogni parte d’Italia, finalmente arriva a San
Miniato, con la precisa consapevolezza della forza dell’arte, in un mondo sempre più
votato all’autodistruzione. “Sembra un fragile uccellino – si dice nei materiali introduttivi –
Maria Mansueto, un’anima gentile, che non può ferirci, colpire con eccessiva violenza,
invece se la si sente parlare e soprattutto se ci si sofferma sulla sua pittura, si capisce di
quanto sia forte in lei, l’indignazione per i mali del mondo presente, di quanto sia stata
un’importante attivista (e presidente) dell’Unicef senese. Abbiamo ammirato le sue opere
in varie mostre e repertori d’arte, tra l’altro nel Catalogo dell’Arte Moderna Mondadori. É
stata poi presente in numerose esposizioni, quasi sempre curate da Giammarco Puntelli”.
Adesso la Mansueto arriva a San Miniato, dove esporrà all’Orcio d’Oro, dal 5 al 20 aprile,
con inaugurazione il 5 alle 18, e con due serate di teatro, che allargheranno il rapporto con
la mostra e anche con il lavoro poetico di Maria. Quella di venerdì 12 aprile alle 21 e 15,
vedrà la formidabile interpretazione dell’attore Andrea Giuntini che si confronterà con le
intense poesie della Mansueto, accompagnato dalla musica e dalle canzoni di Katia Lari;
mentre invece giovedì 18 aprile sarà la volta di Andrea Mancini, con le parole urlate dal
giovane Majakovskij, che con la sua smania futurista si scatena contro la Prima guerra
mondiale (esattamente all’opposto del futurismo nostrale), con parole e immagini che
vanno bene anche per l’oggi.
“Sarà insomma una mostra potente – dice Andrea Mancini, che l’ha curata -, con al centro
bellissime opere materiche che raccontano i mali del mondo, ma che indicano anche
possibili soluzioni. Basta guardare la locandina, c’è una donna con il grembo gonfio,
rappresentato entro una spirale e il titolo è lo stesso della mostra ‘Sentinella di Futuro’.
Ancora una volta le donne entrano nella fucina della storia e ne traggono le forme più
semplici, quelle giuste per arrivare a domani”.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti