15 Aprile 2024, lunedì
HomeSaluteSospensione definitiva del farmaco a base di somatropina

Sospensione definitiva del farmaco a base di somatropina

A cura di Ionela Polinciuc

La sospensione definitiva del farmaco a base di somatropina: una battuta d’arresto nel trattamento dell’ormone della crescita

L’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) ha emesso una decisione che avrà un impatto significativo sulla gestione della salute di numerosi pazienti: il ritiro definitivo dal mercato del farmaco a base di somatropina, conosciuto come Norditropin NordiFlex. Questa mossa arriva a seguito di una cronica carenza del medicinale, che ha reso sempre più difficile la sua reperibilità sul mercato italiano.

Già dall’aprile del 2023, l’Aifa aveva segnalato una grave penuria del Norditropin NordiFlex 15mg/1,5ml soluzione iniettabile, un trattamento fondamentale per una vasta gamma di disturbi legati alla crescita sia nei bambini che negli adulti. Tuttavia, la situazione è recentemente peggiorata con la notizia della sospensione definitiva della vendita del farmaco, in tutte le sue versioni autorizzate.

Il Norditropin NordiFlex, contenente somatropina, rappresentava l’unica opzione terapeutica autorizzata in Italia per il trattamento dei pazienti affetti da deficit staturale legato alla Sindrome di Noonan. Questa decisione ha gettato nell’incertezza sia i pazienti che dipendevano da questo trattamento, sia gli operatori sanitari che devono trovare soluzioni alternative.

L’Aifa ha invitato gli operatori sanitari a informare i pazienti e a passare a terapie alternative in base alla loro valutazione e alle normative locali. Tuttavia, questo cambio a terapie alternative non è un processo agevole, poiché comporta rischi potenziali per i pazienti.

Infatti, l’interruzione del trattamento con Norditropin NordiFlex può comportare rischi sia per i bambini che per gli adulti. Nei bambini, l’interruzione precoce può compromettere l’efficacia del trattamento, mentre negli adulti, può portare a complicazioni legate alla salute e alla composizione corporea.

Un altro aspetto rilevante è il costo del Norditropin NordiFlex, che rappresenta un investimento significativo per i pazienti. Anche se in Italia l’uso di questo farmaco è esente dal pagamento del Servizio Sanitario Nazionale (Ssn), il prezzo di listino si aggira intorno ai 578 euro, secondo i dati di Pharmap.

In conclusione, il ritiro definitivo del Norditropin NordiFlex dal mercato italiano rappresenta una significativa battuta d’arresto nel trattamento dell’ormone della crescita, con conseguenze sia per i pazienti che per gli operatori sanitari. L’urgenza ora è trovare soluzioni alternative per garantire la continuità delle cure e la salute dei pazienti interessati.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti