15 Aprile 2024, lunedì
HomeItaliaCronacaUNC su sentenza Mecozzi

UNC su sentenza Mecozzi

La corte di appello penale di Ancona riconosce la responsabilità penale del dr. Massimiliano Mecozzi, medico omeopata accusato di aver cagionato la morte del piccolo Francesco Bonifazi.

La vicenda risale al maggio 2017 quando il piccolo Francesco di 7 anni veniva curato dal dr. Mecozzi di Pesaro per un’otite con trattamenti omeopatici.

La malattia del bimbo si protraeva per oltre 20 giorni, aggravandosi sino a cagionarne la morte per l’ascesso encefalico.

Durante l’evoluzione della malattia secondo la ricostruzione della Procura il dr. Mecozzi consigliava la famiglia Bonifazi di trattare il figlio con prodotti omeopatici, sconsigliandoli dall’utilizzare antibiotici e di ricorrere alle cure ospedaliere,  alle quali in ultima istanza i genitori si rivolgevano una volta visto l’aggravarsi delle condizioni sanitarie e la sofferenza a cui il piccolo Francesco era sottoposto.

Iniziava così un lungo iter giudiziario che vedeva il Tribunale di Ancona condannare il medico per grave negligenza, consistita nel non aver seguito i protocolli medici dettati dal Ministero della Salute, che impongono di fronte ad un’otite in un minore una vigile attesa nei primi 3 giorni durante i quali è possibile prescrivere anche trattamenti omeopatici, ma una volta aggravata la condizione clinica del malato obbligano il medico di prescrivere un adeguato trattamento antibiotico.

Il Tribunale penale di Ancona condannava il Mecozzi a 3 anni di reclusione ed a 5 anni di interdizione dai pubblici uffici, oltre a statuizioni civili.

Il Mecozzi impugnava la sentenza ritenendo che l’istruttoria dibattimentale del giudizio di primo grado non avesse provato il nesso di causalità tra la morte del giovane Francesco e l’otite.

Contestava tale assunto l’Unione Nazionale Consumatori, patrocinata dall’Avv. Corrado Canafoglia coadiuvato dal prof. Enrico Bucci e dal prof. Matteo Bassetti, producendo una corposa documentazione dalla quale emergeva che il caso del piccolo Francesco non era un caso isolato, ma era stata già preceduta da precedenti analoghi ove i pazienti si allontanavano e/o rifiutavano la medicina tradizionale per seguire le indicazioni di medici omeopati e da tale scelta derivava la morte dei pazienti.

Ultimo episodio analogo risale al giugno 2023, quando in provincia di Lecce di fronte a una febbre di un bimbo di 15 mesi i genitori, noti non vax, lo portavano da un medico che gli consigliava soluzioni omeopatiche e da lì arrivò il decesso del piccolo paziente.

La Corte di appello di Ancona, oggi presieduta dottoressa de Carlo, ha confermato la sentenza di condanna del Tribunale, rigettando l’appello ed accogliendo la tesi della Procura della Repubblica sulla responsabilità medica del dr. Mecozzi, sostenuta dai familiari del piccolo e dall’Unione Nazionale Consumatori che nel processo ha supportato tecnicamente la tesi accusatoria.

“ La pronuncia odierna è la conferma che di fronte a malattie bisogna ricorrere alla medicina tradizionale per evitare l’aggravarsi delle stesse sino al caso morte. L’Unione Nazionale Consumatori da anni svolge un’intensa attività volta a contrastare pratiche che interferiscono con la salute umana e si allontanano dai protocolli medici dettati dal Ministero della Salute “ chiosa l’avv. Corrado Canafoglia, legale dell’Unione Nazionale Consumatori.

“Questa sentenza è un tassello importante nell’accertamento della verità di un fatto estremamente grave che ha colpito una famiglia intera” conclude l’avv. Federica Mancinelli legale del nonno del piccolo Francesco, Maurizio Bonifazi, il quale alla lettura della sentenza ha mostrato profonda commozione ed affermando “ oggi potrò andare a trovare mio nipote al cimitero con la serenità nel cuore che la giustizia sta facendo il suo corso”.

La Corte si è riservata 90 giorni per depositare le motivazioni della sentenza ed è prevedibile il ricorso in cassazione da parte della difesa del medico.

Riceviamo e pubblichiamo integralmente

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti