18 Aprile 2024, giovedì
HomeConsulente di StradaBodycam: la Polizia può usarle?

Bodycam: la Polizia può usarle?

La Polizia può usare le bodycam quando svolge attività di controllo dell’ordine pubblico, ma solo a determinate condizioni e in presenza di particolari eventi. Sono molto potenti a fini investigativi, perché registrano le immagini – compresi i volti delle persone – ed i filmati vengono memorizzati e conservati a lungo, per essere analizzati dalla polizia scientifica.

Una recente circolare del ministero dell’Interno, a firma del capo della Polizia, ha assegnato 700 bodycam ai reparti mobili della Polizia di Stato e 249 ai reggimenti o battaglioni dell’Arma dei Carabinieri. Quindi, le bodycam possono essere utilizzate solo dagli appartenenti di questi reparti speciali delle forze dell’ordine. La direttiva ministeriale precisa che le bodycam sono state fornite «quale ulteriore strumento di documentazione degli accadimenti e, nel contempo, di tutela del personale operante». Quindi, da un lato, registrano gli avvenimenti in modo da poterli controllare a posteriori e d’altro canto, individuano i comportamenti tenuti dalle forze di polizia. Le bodycam permettono di riprendere tutto ciò che accade di fronte ed intorno al soggetto che le sta utilizzando. Vengono montate sulla divisa degli operanti, sulla testa oppure in corrispondenza delle spalle o sul petto. Secondo le prescrizioni impartite dal Garante privacy, i reparti mobili della Polizia e dei Carabinieri che hanno ricevuto le bodycam in dotazione potranno attivarle, cioè accenderle, solo quando si trovano in presenza «di concrete e reali situazioni di pericolo, di turbamento dell’ordine pubblico o di fatti di reato». È vietata la registrazione di «episodi non critici».
Dunque, le bodycam raccolgono e memorizzano video, le foto e gli audio delle persone riprese. I filmati contengono anche la data, l’ora e il luogo (con le coordinate Gps) in cui è avvenuta la registrazione.Le registrazioni della bodycam possono essere conservate per un periodo di tempo non superiore a 6 mesi a partire dalla data di effettuazione delle riprese, salvo casi particolari. 

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti