18 Maggio 2022, mercoledì
Home Consulente di Strada Cosa fare quando arriva un avviso di accertamento ?

Cosa fare quando arriva un avviso di accertamento ?

Prima di capire come potersi difendersi dall’arrivo di un avviso di accertamento, è bene capire cosa si intende per avviso di accertamento. Come precisa l’Agenzia delle Entrate, l’avviso è l’atto mediante il quale l’ufficio notifica formalmente la pretesa tributaria al contribuente a seguito di un’attività di controllo sostanziale.
L’avviso di accertamento deve essere sempre motivato, a pena di nullità, e deve indicare alcun elementi precisi quali gli imponibili accertati e le aliquote applicate, le imposte liquidate, al lordo e al netto delle detrazioni, delle ritenute di acconto e dei crediti d’imposta nonché l’ufficio presso il quale è possibile ottenere informazioni nonché il responsabile del procedimento, insieme alle modalità e il termine del pagamento e all’organo giurisdizionale al quale è possibile ricorrere.

Una volta ricevuto un avviso di accertamento, il contribuente ha dinanzi a sé alcune strade da percorrere.

In primo luogo, il contribuente che riceve un avviso di accertamento ha l’opportunità, se rinuncia a presentare ricorso, di ottenere una riduzione delle sanzioni. Si parla in tal caso di acquiescenza che comporta la riduzione delle sanzioni amministrative irrogate, sempre che il contribuente rinunci a impugnare l’avviso di accertamento, presentare istanza di accertamento con adesione e provveda a pagare, entro il termine di proposizione del ricorso, le somme complessivamente dovute tenendo conto delle riduzioni.

Altra strada che il contribuente può intraprendere dopo aver ricevuto la notifica di un avviso di accertamento non preceduto dall’invito al contraddittorio, è la richiesta all’ufficio dell’Agenzia delle Entrate della formulazione della proposta di accertamento con adesione. Tale istituto consente al contribuente di definire le imposte dovute ed evitare, in tal modo, l’insorgere di una lite tributaria. E’ un “accordo” tra contribuente e ufficio che può essere raggiunto sia prima dell’emissione di un avviso di accertamento, che dopo, sempre che il contribuente non presenti ricorso davanti al giudice tributario.

In tal caso, a seguito del contraddittorio e della definizione della pretesa tributaria, le sanzioni si applicano nella misura di 1/3 del minimo previsto dalla legge.

Se il contribuente ritiene illegittimo o infondato un atto emesso nei suoi confronti può rivolgersi alla Commissione tributaria provinciale per chiederne l’annullamento totale o parziale.

Gli avvisi di accertamento diventano esecutivi decorso il termine utile per la proposizione del ricorso e devono espressamente riportare l’avvertimento che, trascorsi 30 giorni dal termine utile per il pagamento, la riscossione delle somme richieste sarà affidata agli agenti della riscossione.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Oroscopo mercoledi 18 maggio 2022

                              A CURA DI TELEBLULANOTTE

Più di 7 milioni di europei ha o ha avuto un tumore della pelle

I risultati di un nuovo sondaggio dell'Accademia europea di dermatologia e venereologia (Eadv) presentato al Simposio di primavera dell'Eadv mostrano che l'1,71...

Come sanare una difformità edilizia?

Abusi edilizi: tipologie, possibili sanatorie, procedura e sanzioni.Il nostro ordinamento giuridico prevede diverse ipotesi di interventi e di opere edilizie irregolari, a...

Ucraina: Putin, ‘armi batteriologiche vicino nostri confini’

Nel corso dell'operazione speciale in Ucraina sono state ottenute prove documentate che testimoniano il fatto che venivano creati vicino ai nostri confini...

Commenti recenti