25 Ottobre 2020, domenica
Home Italia Cronaca Corte di giustizia UE, tutela dei consumatori: internet e reati informatici

Corte di giustizia UE, tutela dei consumatori: internet e reati informatici

CORTE DI GIUSTIZIA UE, TUTELA DEI CONSUMATORI – INTERNET E REATI INFORMATICI

Grande Sezione, 15 settembre 2020 Cause riunite C‑807/18 e C‑39/19

L’articolo 3 del regolamento (UE) 2015/2120 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 novembre 2015, che stabilisce misure riguardanti l’accesso a un’Internet aperta e che modifica la direttiva 2002/22/CE relativa al servizio universale e ai diritti degli utenti in materia di reti e di servizi di comunicazione elettronica e il regolamento (UE) n. 531/2012 relativo al roaming sulle reti pubbliche di comunicazioni mobili all’interno dell’Unione, deve essere interpretato nel senso che pacchetti attuati da un fornitore di servizi di accesso a Internet mediante accordi conclusi con utenti finali, ai sensi dei quali questi ultimi possono acquistare un piano tariffario che conferisce loro il diritto di utilizzare senza restrizioni un determinato volume di dati, senza che da tale volume sia detratto l’utilizzo di talune applicazioni e di taluni servizi specifici soggetti a «tariffa zero», e, una volta esaurito tale volume di dati, possono continuare a utilizzare senza restrizioni tali applicazioni e tali servizi specifici, mentre alle altre applicazioni e agli altri servizi disponibili sono applicate misure di blocco o di rallentamento del traffico: sono incompatibili con il paragrafo 2 di tale articolo, in combinato disposto con il paragrafo 1 dello stesso, in quanto detti pacchetti, detti accordi e dette misure di blocco o di rallentamento limitano l’esercizio dei diritti degli utenti finali; e sono incompatibili con il paragrafo 3 di detto articolo in quanto le suddette misure di blocco o di rallentamento sono basate su considerazioni di ordine commerciale.

Per questi motivi, la Corte (Grande Sezione) dichiara:

L’articolo 3 del regolamento (UE) 2015/2120 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 novembre 2015, che stabilisce misure riguardanti l’accesso a un’Internet aperta e che modifica la direttiva 2002/22/CE relativa al servizio universale e ai diritti degli utenti in materia di reti e di servizi di comunicazione elettronica e il regolamento (UE) n. 531/2012 relativo al roaming sulle reti pubbliche di comunicazioni mobili all’interno dell’Unione, deve essere interpretato nel senso che pacchetti attuati da un fornitore di servizi di accesso a Internet mediante accordi conclusi con utenti finali, ai sensi dei quali questi ultimi possono acquistare un piano tariffario che conferisce loro il diritto di utilizzare senza restrizioni un determinato volume di dati, senza che da tale volume sia detratto l’utilizzo di talune applicazioni e di taluni servizi specifici soggetti a «tariffa zero», e, una volta esaurito tale volume di dati, possono continuare a utilizzare senza restrizioni tali applicazioni e tali servizi specifici, mentre alle altre applicazioni e agli altri servizi disponibili sono applicate misure di blocco o di rallentamento del traffico:

– sono incompatibili con il paragrafo 2 di tale articolo, in combinato disposto con il paragrafo 1 dello stesso, in quanto detti pacchetti, detti accordi e dette misure di blocco o di rallentamento limitano l’esercizio dei diritti degli utenti finali; e

– sono incompatibili con il paragrafo 3 di detto articolo in quanto le suddette misure di blocco o di rallentamento sono basate su considerazioni di ordine commerciale.–

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Coronavirus, sintesi schematica del nuovo Dpcm

Per offrire ai lettori un servizio di informazione sempre attivo e puntuale, la nostra redazione segue sintesi ed elencazione schematica delle...

La ribellione popolare è in atto. Disperazione o criminalità?

a cura di Maria Parente Disperazione, rabbia, paura, delusione: le manifestazioni belliche di Napoli, e poi Roma,...

Residente estero e acquisto immobile in Italia è seconda casa?

Con Risposta a interpello n 462 del 12 ottobre 2020 l’agenzia delle entrate risponde ad un quesito in merito all’acquisto di seconda casa di...

Tania Cagnotto annuncia: ‘è una femminuccia’

E’ stato lo scorso agosto che l’ex nuotatrice Tania Cagnotto ha annunciato sia l’addio dalle vasche e sia la prossima gravidanza: ‘’È...

Commenti recenti