Il Papa annuncia una giornata di preghiera per il Libano: “Abbiamo bisogno di solidarietà”

“Dopo tanti mesi riprendiamo i nostri incontri faccia a faccia, e non schermo a schermo. E questo è bello!”. Con queste parole, pronunciate a braccio, il Papa ha aperto l’udienza generale di oggi, la prima in presenza di fedeli dopo sei mesi, a causa delle misure restrittive imposte dalla pandemia in atto, che “ha evidenziato la nostra interdipendenza: siamo tutti legati, gli uni agli altri, sia nel male che nel bene”, ha evidenziato Francesco. “Perciò, per uscire migliori da questa crisi, dobbiamo farlo insieme, tutti quanti, nella solidarietà”, ha ribadito: “Insieme, non da soli: o si fa insieme o non si fa”, ha aggiunto a braccio. “Dobbiamo farlo insieme tutti quanti nella solidarietà”, la proposta: “Questa parola oggi vorrei sottolinearla”.

“Il principio di solidarietà è oggi più che mai necessario, come ha insegnato San Giovanni Paolo II”. continua il Papa identificando nella solidarietà l’antidoto agli “egoismi, individuali, nazionali e dei gruppi di potere”.

L’udienza si è conclusa con un lungo e accorato appello per il Libano. Dopo i saluti in lingua italiana che come di consueto concludono l’appuntamento del mercoledì, il primo in presenza dopo sei mesi, svoltosi nel Cortile di San Damaso, il Papa ha chiamato accanto a sé un giovane sacerdote che gli ha consegnato la bandiera della terra dei cedri, e ha pronunciato – fuori programma – il suo appello, che si è concluso con l’annuncio di una Giornata di preghiera e di digiuno universaleindetta il 4 settembre e accompagnata dall’invio in Libano del cardinale segretario di Stato Pietro Parolin, quale rappresentante del Santo Padre ed espressione della sua “vicinanza e solidarietà” al Paese, messo a dura prova dalla recente esplosione a Beirut. “Ad un mese dalla tragedia – le parole del Papa – il mio pensiero va al caro Libano e a questa popolazione duramente provata”.

Written By
More from Redazione

Usa, ex candidata dem accusa Joe Biden di contatti fisici: “Mi baciava dietro la testa”

Joe Biden non ha ancora sciolto le ultime riserve per la sua...
Read More