Cinema, festival di Locarno 2020 premia l’Argentina

La regista Lucrecia Martel

Il festival di Locarno 2020- For the Future of Films, in edizione Covid, ha premiato l’Argentina: sono andati infatti, per quanto riguarda la scelta della giuria internazionale, al documentario Chocobar, della regista argentina Lucrecia Martel, un documentario politico che interroga la questione della colonizzazione e la cultura indigena a partire dall’uccisione del militante Javier Chocobar nel 2000, e per quanto riguarda la giuria della selezione svizzera a Zahorì, della regista Marí Alessandrini, film ambientato in Patagonia che racconta l’amicizia tra una tredicenne di origini ticinesi e un vecchio indiano Mapuche. All’interno della selezione internazionale, il Campari Award – premio speciale della giuria (cinquantamila franchi) – è stato assegnato al film Selvajaria (Savagery) di Miguel Gomes, libero adattamento del romanzo Brasile ignoto di Euclides da Cunha, sulla spedizione militare della repubblica brasiliana a fine Ottocento contro il piccolo insediamento di Canudos. Lo Swatch Award – premio al progetto più innovativo di 30.000 franchi – è andato invece a De Humani Corporis Fabrica (The Fabric of the Human Body) di Verena Paravel e Lucien Castaing-Taylor, documentario sulle questioni di bioetica legate alle nuove tecnologie in ambito medico.

Written By
More from Redazione

Viminale, arriva il dossier: boom di sbarchi e omicidi in un anno

Gli sbarchi (nella maggioranza dei casi autonomi) sono aumentati del 148,7% rispetto ad un anno...
Read More