Firenze, arrestati minorenni per pedopornografia: il più “anziano”ha 17 anni

Video e immagini hard con giovanissime protagoniste. Ma anche raffiguranti suicidi, mutilazioni, squartamenti e decapitazioni di persone, in qualche caso di animali: la polizia postale e delle comunicazioni ha concluso una complessa e delicata attività d’indagine che ha portato alla denuncia in stato di libertà di 20 minorenni, in concorso tra loro, per i reati di detenzione, divulgazione, cessione di materiale pedopornografico e istigazione a delinquere aggravata. L’attività è stata svolta dai poliziotti del Compartimento Polizia Postale per la Toscana coordinati dal procuratore capo della Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Firenze, Antonio Sangermano.

Dopo oltre cinque mesi d’indagini i poliziotti hanno identificato le persone che a vario titolo detenevano o scambiavano immagini e video pedopornografici per i quali il procuratore capo ha ritenuto necessario interrompere da subito “l’attività delittuosa” dei minori che condividevano l’inconfessabile segreto di provar gusto in maniera più o meno consapevole nell’osservare quelle immagini di orribili violenze e con contenuti di alta crudeltà

Il più “anziano” del gruppo ha compiuto da poco 17 anni, il più giovane ne ha 13. A far parte delle chat dell’orrore vi erano anche 7 adolescenti, tutti 13enni. Sono stati sequestrati decine di telefonini e computer, dalla cui perquisizione informatica sono emersi elementi di riscontro inconfutabili.

Written By
More from Redazione

Iran: nucleare, Trump, scelta pericolosa senza calcolo razionale

Non è certo la prima volta che Donald Trump opera una scelta unilaterale, pericolosa...
Read More