Anac, con l’emergenza Covid appalti pubblici bloccati:’persi’ 19 miliardi di lavori

L’Autorità nazionale anticorruzione ha presentato alla Camera la sua Relazione annuale partendo proprio dalle iniziative messe in campo nei tempi più recenti per fronteggiare la crisi.

“Nel primo quadrimestre la Banca dati nazionale dei contratti pubblici (Bdncp) detenuta dall’Anac ha registrato 61.637 procedure connesse all’emergenza sanitaria, per una spesa complessiva di 3 miliardi (3,04 mld per l’esattezza). La gran parte dell’importo, oltre 2 miliardi, è riferibile al periodo più critico dell’emergenza, ovvero quello compreso fra il 1° marzo e il 10 aprile”, si legge nella relazione. I soli dispositivi di protezione individuale (mascherine e guanti) hanno ricoperto la gran parte del budget, circa 7 euro su dieci.

Un vero e proprio terremoto dal Covid arriva sul settore degli appalti pubblici. Se nel 2019 il valore complessivo degli appalti pubblici si è attestato a 170 miliardi – in crescita del 23% a una cifra record, dato che per Anac smentisce la tesi di un ‘bloccò dei lavori in Italia – “l’emergenza Covid ha cambiato completamento lo scenario. Benché si tratta di dati ancora provvisori che devono essere consolidati, nel primo quadrimestre 2020 gli appalti sono scesi del 24% per numero e del 33% in valore, pari a 18,6 miliardi in meno. La Regione più colpita è la Lombardia (-63%, pari a una flessione di circa 10 miliardi), mentre alcune Regioni nel primo quadrimestre 2020 hanno fatto addirittura registrare dati positivi, come il Lazio (+14%, pari a 550 milioni)”.

Written By
More from Redazione

TRUMP RIPARTE DAI DAZI, BORSE DELLA CINA E DELL’ASIA IN RIBASSO

  La tregua nella guerra sui dazi, il momentaneo periodo di pace che...
Read More