25 Giugno 2021, venerdì
Home Italia Politica Aumentano le tasse sulle sigarette per finanziare pensioni e reddito di cittadinanza

Aumentano le tasse sulle sigarette per finanziare pensioni e reddito di cittadinanza

 

Sono 73 gli articoli che compongono la bozza della manovra 2019 e tra questi ci sono le righe che hanno fatto scattare la bocciatura dell’Europa e altre che – e questa è la novità – non faranno sicuramente piacere ai fumatori. Risultati immagini per sigarette

Il disegno di legge di bilancio 2019 infatti aumenta le tasse sulle sigarette, o almeno lo prevede una bozza della Manovra datata 23 ottobre nella quale sono previsti due articoli: “disposizioni in materia di tassazione dei tabacchi lavorati” e “disposizioni in materia di tabacchi lavorati”.

Secondo quanto previsto dal governo aumenteranno i prezzi di sigarette, sigari e tabacco trinciato. Intanto dopo la bocciatura della manovra da parte della commissione europea il Governo ha aperto a possibili “tagli alla spesa” e di “verifiche trimestrali dei conti” in base alle quali rimodulare gli impegni. Una sforbiciata dunque a tutte le voci di uscita magari con una rimodulazione delle misure escludendo però l’introduzione di una patrimoniale.

Reddito di cittadinanza e riforma pensioni solo dopo la manovra

Come largamente anticipato già alla pubblicazione della nota di aggiornamento del Def nella manovra sono presenti 9 miliardi destinati al reddito di cittadinanza e all’adeguamento dei centri per l’impiego e 6,7 miliardi per il superamento della legge Fornero introducendo meccanismi di flessiblità. Ma sopresa, della quota 100 non c’è traccia: il disegno di legge di bilancio infatti rimanda a successivi interventi legislativi l’introduzione dell’attesa pensione anticipata e del nuovo sussidio per combattere la povertà, tanto che non viene mai nominata quota 100 né viene spiegato come e a chi sarà distribuito il reddito di cittadinanza. Nella manovra troverebbe solo spazio lo stanziamento per la creazione di un fondo ad hoc per l’introduzione delle due riforme care a Lega e M5s.

La bozza della manovra che attualmente rappresenta il documento di lavoro per gli esponenti dei partiti di maggioranza dedica il primo capitolo al disinnesco delle clausole Iva che tuttavia potrebbero tornare a rappresentare un incubo per gli italiani già dal 2020 visto che già nella Nadef si prevedeva l’aumento delle aliquote nei prossimi due anni.

Nelle intenzioni del governo ribadito il taglio dell’Ires e l’introduzione della flat tax per gli autonomi, il rinnovo dei bonus casa, le assunzioni nella pubblica amministrazione mentre alle misure per aiutare Genova dopo il collasso dell’economia legata al crollo del Ponte Morandi è dedicato un capitolo ad hoc.

Dopo il decreto legge dignità (che dal prossimo giugno vieterà  totalmente la pubblicità e sponsorizzazioni a scommesse e giochi d’azzardo) nella manovra sono previsti rincari per la tassazione legata al gioco d’azzardo.(fonte TODAY)

a cura di Alessia Reitano

 

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Archivio Usa ha cancellato dati genetici sui primi casi di Covid a Wuhan

Le sequenze genetiche dei primi casi di Covid-19, registrate su un database Usa, sarebbero state eliminate, su richiesta della Cina, rendendo più difficile...

Draghi risponde sul ddl Zan: “Lo Stato è laico, il Parlamento libero”

L'Italia è uno Stato laico non confessionale dove il parlamento è libero di decidere, e sulle leggi esercita il controllo la Corte costituzionale....

Euro 2020, Goretzka salva la Germania. Agli ottavi anche CR7

GRUPPO FGERMANIA-UNGHERIA 2-2Nell'ultima giornata della fase a gironi di Euro 2020, la Germania pareggia 2-2 con l'Ungheria e si guadagna l'accesso agli ottavi di finale, mentre...

Sono legittime le multe plurime ztl ?

La Corte di Cassazione  ord. n. 15724 del 04.06.2021 afferma spesso che il cumulo di multe in Ztl è legittimo, ed anzi è proprio la...

Commenti recenti