17 Giugno 2021, giovedì
Home Mondo Adottato il regolamento che istituisce uno sportello digitale unico

Adottato il regolamento che istituisce uno sportello digitale unico

Oggi il Parlamento europeo e il Consiglio hanno adottato formalmente il regolamento che istituirà uno sportello digitale unico. Tra due anni i cittadini e le imprese potranno reperire tutte le informazioni, le procedure amministrative e i servizi di assistenza relativi ai loro diritti nel mercato unico su un portale online unico e di facile accesso chiamato “Your Europe”.

Elżbieta Bieńkowska, Commissaria responsabile per il Mercato interno, l’industria, l’imprenditoria e le PMI, ha dichiarato: “Oggi i cittadini e le imprese che desiderano spostarsi, lavorare o operare in Europa si trovano impelagati in una giungla di norme che li confondono e in una burocrazia senza fine, con conseguenti perdite di tempo e di denaro. In linea con le promesse fatte nella strategia per il mercato unico digitalelo sportello digitale unico cambierà la situazione, rendendo le procedure amministrative più semplici, più rapide e meno onerose.”

Dal 2020 i cittadini e le imprese dell’UE, tramite il portale Your Europe, saranno indirizzati verso tutte le informazioni di cui hanno bisogno sulle norme dell’UE o nazionali che disciplinano l’occupazione, l’istruzione, l’assistenza sanitaria, la sede legale, le imposte e l’assunzione di personale. Anche coloro che necessitano di assistenza saranno indirizzati verso l’offerta di servizi più adatta, che sarà contraddistinta da un marchio di qualità dello sportello, che ne garantisce l’affidabilità.Immagine correlata

Il regolamento garantirà che entro cinque anni si possano gestire interamente online oltre venti procedure fondamentali, come richieste di certificati di nascita, immatricolazioni di autovetture, dichiarazioni dei redditi e iscrizioni universitarie. I cittadini e le imprese non saranno più bloccati perché i loro numeri di telefono, i codici di avviamento postale o i documenti elettronici sono rifiutati e otterranno le informazioni in una lingua che capiscono. Il principio “una tantum” riduce la burocrazia transfrontaliera, poiché i cittadini e le imprese possono richiedere alle autorità di scambiarsi i dati o i documenti già forniti. Il regolamento sarà pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell’UE ed entrerà in vigore venti giorni dopo la pubblicazione.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Salvini: “Chiederò a Draghi stop mascherine all’aperto”

Con l'Italia che si avvia alla zona bianca totale, il Governo è ora alle prese con il nodo principale: l'eventuale proroga dello Stato...

Denise Pipitone, Piera Maggio all’ex pm: “Piano con le segnalazioni”

L'invito della madre della piccola scomparsa 17 anni fa a Mazara del Vallo in Sicilia: “Credo alla buonafede della...

Italia, altri 3. È già agli ottavi

Altra notte azzurra all'Olimpico di Roma. E altro 3-0. L’ Italia sbarca agli ottavi di finale di Euro 2020 con un turno...

COMUNICATO STAMPA

Occhiuto candidato governatore del centrodestra: la soddisfazione di Gallo Il coordinatore provinciale forzista: «Roberto l’uomo giusto al momento giusto»

Commenti recenti