21 Giugno 2021, lunedì
Home Italia Economia Da uno studio del Prof. Catapano : cresce il contenzioso tributario

Da uno studio del Prof. Catapano : cresce il contenzioso tributario

Il contenzioso tributario. In base a quanto emerso dai dati del primo trimestre 2013, complessivamente il ricorso al contenzioso tributario in primo grado è diminuito dell’8,79%, rispetto al primo trimestre 2012. Diversa invece la situazione per quel che riguarda le Commissioni tributarie regionali che, invece, hanno registrato un incremento dei ricorsi del 13,8%. A contribuire alla formazione delle percentuali in esame, non solo le persone fisiche.
Le materie del contendere. Tra le materie del contendere, l’accertamento delle imposte è protagonista in più del 50% dei casi in Ctp e quasi per il 60% dei casi in Ctr. Medaglia d’argento invece, al campo della riscossione. Questo infatti, è protagonista del 30% dei ricorsi presentati in Ctp e del 17% dei ricorsi in Ctr. Tra le principali imposte oggetto dei ricorsi in primo grado, tra gennaio e marzo 2013, l’Irpef, è protagonista di ben 16.308 ricorsi, pari al 20,5% del totale. Subito dopo, con il 17,2% (13.677), le controversie aventi a oggetto l’accertamento dell’Imposta comunale sugli immobili (Ici).
Le società di capitali si fanno spazio nel panorama del contenzioso tributario. Nel primo trimestre 2013, il 20% delle controversie di cui si sono occupate le Commissioni tributarie provinciali (Ctp) e regionali (Ctr), sono state frutto di istanze presentate da società di capitali. Saldo invece, il primato delle persone fisiche, in materia di contenzioso. Da queste infatti, partono il 73% dei ricorsi. Oggetto delle controversie, in più del 50% dei casi, è l’accertamento delle imposte dovute al fisco. Tra queste, il primato spetta all’Imposta sul reddito delle persone fisiche, che è protagonista dei ricorsi presentati in Ctp nel 20,5% dei casi, mentre è in Ctr nel 34,6% dei casi. Questi i dati contenuti nel Rapporto trimestrale sullo stato del contenzioso tributario, resi noti ieri dal Ministero dell’economia e delle finanze.
I settori economici. Nel primo trimestre 2013, variegata poi, anche la situazione per quel che riguarda i settori economici di competenza del contribuente. A occupare il primo posto a pari merito, il settore del commercio al dettaglio e all’ingrosso e dei riparatori di autoveicoli e motocicli. Queste professioni infatti, da sole, coprono quasi il 17% (2.848) delle controversie di fronte alla Ctp, e quasi il 20% (1.174) di fronte alla Ctr. Subito dopo, le attività manifatturiere con il 15% stabile di controversie sia in primo che in secondo grado. Sul terzo gradino del podio infine, il settore delle imprese edili. Da solo infatti, questo settore copre una media del 14% dei ricorsi, sia in primo che in secondo grado.

A Cura del Prof. Giuseppe Catapano

Sponsorizzato

Ultime Notizie

C O M U N I C A T O S T A M P A

Esordi letterari: grande riscontro per il libro “Un esoterico amore” di Saverio Ferrara (Graus Edizioni) Romanzo...

Che valore ha una chat in un processo ?

Il Codice civile è nato quando ancora gli sms e le e-mail non esistevano, né il legislatore si è mai preoccupato di...

Confcommercio, crollo dei consumi nel 2020, persi 126 miliardi di euro

"Con un calo complessivo dei consumi dell'11,7%, pari ad oltre 126 miliardi di euro, il 2020 ha registrato il peggior dato dal...

Juve in lutto, addio Boniperti. Europei, l’Olanda aspetta gli Azzurri

È morto nella notte Giampiero Boniperti, presidente onorario della Juventus che il prossimo 4 luglio avrebbe compiuto 93 anni. La storica bandiera bianconera,...

Commenti recenti