20 Giugno 2024, giovedì
HomeNewsCorsa di big per l'Authority sui conti

Corsa di big per l’Authority sui conti

Mario Canzio, Vieri Ceriani, Paolo De Ioanna, Fiorella Kostoris Padoa Schioppa, Giuseppe Pisauro, Mario Baldassarri, Sebastiano Cataldo, Paolo Savona, Biagio Mazzotta, Maria Teresa Salvemini. Sono solo alcuni dei prestigiosi nomi in ‘gara’ per ricoprire il ruolo di garante del servizio del bilancio dello Stato. Oggi infatti si e’ tenuta la prima riunione del Comitato costituito (16 deputati e 16 senatori) per la nomina del Consiglio dell’ufficio parlamentare di bilancio.

Un organismo che fungera’ da ‘contraltare’ per il Parlamento alla Ragioneria per esaminare le coperture di leggi ed emendamenti di Camera e Senato e che, secondo la legge costituzionale sul pareggio di bilancio, doveva nascere dal 1 gennaio 2014. La nuova ‘Authority’ sui conti pubblici dovra’ insediarsi per assicurare il pareggio di bilancio. Le domande per far parte dell’organismo dovevano essere inviate entro il 20 gennaio 2014. Ne sono pervenute 104, in un primo momento ne verranno scelte dieci, ma solo tre saranno i componenti (tra cui un presidente) che poi potranno comporre il proprio staff. I 10 profili (con un voto che riporti almeno una maggioranza di due terzi) dovranno poi essere sottoposti ai presidenti delle due Camere Pietro Grasso e Laura Boldrini.

Nella riunione di ieri sono stati valutati “i requisiti professionali” dei candidati.

I candidati devono avere almeno 12 anni di esperienza professionale con posizioni di responsabilita’ in istituzioni pubbliche o private, nazionali o internazionali, nel campo dell’analisi macroeconomica e di finanza pubblica. Inoltre non possono ricoprire cariche politiche ne’ essere parlamentare oppure avere incarichi di governo o cariche di vertice in societa’ partecipate. Sono 59 i profili che hanno superato l’esame di ammissibilità. Ecco i nomi: Addis Elisabetta, Gian Luigi Albano, Umberto Bertini, Massimo Bordignon, Marco Cangiano, Vincenza Chiorazzo, Codogno Lorenzo, Carlo Conte, Alfedno De Feo, Veronica De Romanis, Marcelo Degni, Enrico Deidda, Nicola Dimitri, Stefano Fantacone, Lorenzo Fonti, Pietro Garibaldi, Massimo Gerli, Silvioia Giannini, Giorgio Gawrosnki, Chiara Goretti, CEsare Imbriani, Ernesto Longobardi, Sergio Lugaresi, MAssimo MArrelli, Francesco Massicci, Luigi Mazzillo, Sandro Momigliano, Giancarlo Morcaldo, Marcella Mulazzani, Geremia Palomba, Stefano Penati, Giuseppe Pennisi, Silvia Pepino, Gianfranco Polillo, Vittortio Raerli, Alberto Reitano, Guido Rey, Gianluca Riccio, Giuseppe Rizzo, Alessandra Sartore, Antonio Troisi, Piero Ugolini, Mauro Visaggio, Giuseppe Vitaletti, Mariella Volpe, Alberto Zanardi, Francesco Zanetti, Vincenzo Zezza. Per altri 11 curricula sara’ necessario un supplemento di istruttoria, mentre sono 33 le domande che sono state respinte proprio perche’ non avevano i requisiti necessari. Il Comitato si riunirà tra una settimana per individuare i dieci profili. “Al presidente scelto – sottolinea un deputato scelto per vagliare i profili professionali – andra’ lo stesso emolumento previsto per il numero uno dell’Antitrust, circa 300 mila euro. Agli altri due componenti un trattamento annuale di 241 mila euro”.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti