24 Luglio 2021, sabato
Home News Francesca Pascale: “Dudù doveva essere Gennarino” ma Berlusconi disse no

Francesca Pascale: “Dudù doveva essere Gennarino” ma Berlusconi disse no

Dudù, il cane di Francesca Pascale che è ora la mascotte di Berlusconi e di Forza Italia, doveva chiamarsi Gennarino, ma Berlusconi deviò la scelta della fidanzata ufficiale su un nome meno sensibile. Napoli è un grande serbatoio di voti per Berlusconi e probabilmente dietro la preferenza sul nome Dudù ci fu un po’ di calcolo politico, per non urtare la sensibilità dei napoletani.
La spiegazione del nome è stata data da Francesca Pascale durante la puntata elettorale di Berlusconi a Cagliari sabato 1 febbraio:

“Io lo avrei chiamato Gennarino, ma al Presidente sembrava u
n bambolotto e in francese bambola si dice dudù”.
Potenza di conoscere le lingue straniere, spinge nelle gaffe ma ne previene anche.
A quanto ha riferito Libero, finito il pranzo con Cappellacci e i vertici sardi di Forza Italia, Francesca Pascale si è lanciata nella filosofia dell’amore:
“Fosse per me, preferirei che restassimo a casa, ma deciderà lui, Silvio, se candidarsi alle Europee oppure no”.
e della politica. C’era tanta gente all’incontro e questo, per Francesca Pacale, che ha escluso, per sé, ogni coinvolgimento,
“dimostra che gli italiani non credono che sia colpevole”.
Francesca, infine, esclude un proprio ritorno in politica e parla di Dudù.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Green pass tra gioie e dolori: l’economia, forse, riparte

Con l'indice Rt che schizza a 1,26 l'approvazione del green pass è l'àncora di salvezza per numerose attività che hanno sofferto la...

Comunicato stampa: Premio Castello Sotto Le Stelle 2021

Aci Castello. Grande attesa per il Premio Castello Sotto Le Stelle 2021, in programma giovedì 22 luglio alle...

Tokyo: Buongiorno Italia; via alle gare, Malagò parla al Cio

A due giorni dalla cerimonia inaugurale, Tokyo 2020 è già partita con il prologo delle sue gare e a dare il via...

Letta tira dritto sul ddl Zan e il Pd fa muro contro gli attacchi di Renzi

Dalla giustizia al ddl Zan, Matteo Renzi ha ormai messo nel mirino il Partito Democratico e il suo segretario, Enrico Letta.

Commenti recenti