25 Febbraio 2024, domenica
HomeNewsLui è “mammone”? Ecco come curarlo

Lui è “mammone”? Ecco come curarlo

Lui è tanto simpatico, carino, intelligente e avreste davvero voglia di viverci insieme e magari farci anche una famiglia. Ha un solo difetto, che rende però i vostri sogni difficili da realizzare: è un mammone.

Quella dei mammoni, ossia di quegli uomini che, superata la trentina, continuano a vivere con la mamma anche se hanno un lavoro o che, anche se vivono soli, sono perennemente attaccati alle “cure” materne di cui sembrano non riuscire a fare a meno, è una categoria che non conosce decrescita nel nostro paese, anzi! Vuoi perché la crisi economica ha reso tutti più fragili, vuoi perché le mamme italiane sono troppo chiocce, è sempre più facile imbattersi in un uomo che continua ostinatamente a comportarsi da figlio, anche se ormai è alle soglie dei quaranta. D’altra parte poi le statistiche parlano chiaro; il 79,2% degli italiani maschi fra i 18 e i 39 anni vive ancora con mamma e papà, e questo in maniera relativamente indipendente dal fatto di avere un’occupazione o meno: il problema quindi c’è e va affrontato.

Cosa fare dunque se ci siamo innamorate di un mammone? Partendo dal presupposto che nessuno può mai cambiare nessuno, qualche piccolo accorgimento a fin di bene si può prendere, anche nell’interesse dell’uomo che ci è a fianco, che prima o poi dovrà affrontare la vita reale.

Prima di passare ai consigli veri e propri però, è importante partire da un punto fondamentale: fare la guerra a sua madre non servirà a nulla, se non a rovinarci la vita. Tranne in casi rarissimi infatti, è l’uomo e solo l’uomo che deve sapersi emancipare da una figura materna ingombrante o morbosa e mettersi in lotta con sua mamma equivarrà solo a porci come “nuove mamme”, con tutto ciò che ne consegue… Senza contare poi che intromettersi in un rapporto profondo e delicato come può essere quello fra madre e figlio ci vedrebbe,prima o poi, comunque sconfitte e sicuramente molto stanche.

Molto meglio invece adottare qualche semplice strategia che permetterà al nostro amato mammone di crescere un po’:

– Trattiamolo da uomo. Trattare il proprio compagno da uomo e non da ragazzino significa instaurare un rapporto adulto, in cui ci si assume delle responsabilità e, allo stesso tempo, si chiede impegno e concretezza. Trattare il proprio partner da uomo significa non assecondare in alcun modo i suoi infantilismi e non adottare noi stesse atteggiamenti da ragazzina.

– Proponiamogli modelli “adulti”. Tutte noi abbiamo un padre, un fratello o anche solo un amico che non è un mammone e che invece rispecchia ciò che ci aspettiamo da un partner; quale occasione migliore per farli frequentare? Spesso ciò che non si comprende in anni di discussioni diventa chiaro attraverso un esempio visto e questo potrebbe non fare eccezione nemmeno per il nostro inguaribile bambinone.

– Sua madre è invadente? Ignoriamola. Quando una madre è invadente o vuole a tutti i costi mantenere un controllo stretto sul proprio figlio, il miglior modo per arginarla è ignorarla completamente. Vi chiama per sapere se suo figlio ha cenato o si ferma a dormire da voi? Non rispondete. Il vostro compagno vi elenca i numerosi pregi della sua cara mammina? Cambiate argomento. Alla lunga questo atteggiamento produrrà dei cambiamenti e, cosa non da poco, non avrete dovuto strepitare per veder vincere le vostre ragioni.

– Se lui si ostina a non voler crescere, non abbiate paura di lasciarlo. È molto dura, si sa, quando si è innamorati di qualcuno e si vorrebbe progettare un futuro insieme, eppure talvolta l’unico modo per far crescere un uomo infantile e viziato è proprio quello di lasciarlo. Se continuate ad assecondare il suo disimpegno o a trovare scuse per i suoi comportamenti, diventerete vecchi e nulla sarà cambiato; se invece avrete il coraggio di chiudere dopo l’ennesima promessa non mantenuta, può darsi che lui diventi davvero l’uomo che state cercando.

Pronte per affrontare il vostro mammone? Buona fortuna!

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti