25 Febbraio 2024, domenica
HomeNewsAddio Mimma

Addio Mimma

Mimma Tamburello non c’è più, è il tempo che passa, anche se per le persone speciali questa regola non dovrebbe valere. E’ morta l’amica di Francesca Morvillo e Giovanni Falcone, un cardine della società civile, attenta a quanto accadeva, attenta soprattutto ai giovani.

Mimma è vissuta per dare un senso al giorno più brutto della sua vita “La strage di Capaci”.

Ricordo le telefonate interminabili durante le quali lei mi raccontava del suo amico Giovanni, ed io imparavo a conoscere il magistrato simbolo della legalità, quella Legalità che ha rappresentato la missione dell’avvocato Tamburello.

La ricordo a Palermo, a casa sua, intenta a sfogliare commossa gli album con le fotografie che la ritraevano insieme a Francesca e Giovanni sorridenti, spensierati, come non li avresti mai immaginati in quegli anni cupi. Un carnevale, con Giovanni travestito da improbabile fata turchina, il compleanno di Francesca, raggiante e innamorata.

Quel maledetto 23 maggio Mimma aveva preparato un timballo di riso per Giovanni e Francesca, che non arrivarono mai.

Mimma mi ha insegnato a conoscere la mafia, ma soprattutto l’antimafia, quella vera, i valori della vita, della famiglia, dei minori, per i quali si è battuta con tutta se stessa.

Mimma, il simbolo della società civile, in una terra scomoda, Mimma che, nel nostro libro, ha avuto il coraggio di denunciare cose che per me a mille chilometri di distanza non avrebbero avuto ripercussioni, ma lei, a Palermo, ci viveva.

Mimma, inguaribile ottimista, quando le cose non andavano per il verso giusto affermava “Non ti preoccupare, ciò che avviene conviene”.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti