26 Febbraio 2024, lunedì
HomeItaliaEconomiaCaserta, scandalo all'Asl: 400 medici assistevano 6mila pazienti «fantasma»

Caserta, scandalo all’Asl: 400 medici assistevano 6mila pazienti «fantasma»

Una commistione tra medici che avevano in lista pazienti morti o trasferiti all’estero e dirigenti apicali dell’Asl di Caserta il cui comportamento viene definito “negligente e poco attento”, dalla Guardia di Finanza del comando provinciale di Caserta. Tutto questo ha portato alla scoperta di 400 medici dei 104 comuni casertani che avevano in “carico” 6000 pazienti che non avevano dirittto e per i quali percepivano rimborsi, con un danno erariale di oltre 1,5 milioni di euro.

E’ clamoroso l’esito dell’indagine svolta dalla Guardia di Finanza di Caserta, guidata dal colonnello Giuseppe Verrocchi, che è iniziata alla fine del 2012, e che è andata avanti analizzando e incrociando i dati acquisiti presso i comuni della provincia e incrociandoli con quelli contenuti nell’anagrafetributaria e nel «database» in uso al servizio di gestione e sistema informativo dell’Asl di Caserta.

Le cifre danno la misura del fenomeno: i 400 medici di base, per l’assistenza sanitaria, percepivano l’indennità per 1.215 persone morte, 2.010 emigrati all’estero e 2.763 emigrate fuori provincia. Il danno erariale, come detto, è stato di oltre 1,5 milioni di euro.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti