8 Maggio 2021, sabato
Home News Terra dei Fuochi: migliaia in marcia contro lo scempio della terra

Terra dei Fuochi: migliaia in marcia contro lo scempio della terra

Un mare di gente. Il popolo che vive nella Terra dei Fuochi ha lasciato le case ed è scesa in piazza per dire no all’inquinamento, per chiedere interventi risolutivi, per far conoscere il dramma vissuto nelle proprie famiglie: migliaia di morti per cancro, adulti e soprattutto tanti bambini, non possono non essere collegate agli sversamenti illegali, ai rifiuti tombati, all’immondizia e agli scarti industriali dati, ogni giorno, alle fiamme.

Ha le braccia tese sulla testa, porta la foto gigante di suo figlio, camminerà così per chilometri. Le scendono le lacrime ma sorride per rispondere ad alcuni bambini che le chiedono perché piange: “Perché lui non c’è più”. “E dov’è? E’ morto?” sono le domande dirette dei piccoli. Ora l’emozione coinvolge anche un’altra donna che le è accanto e tutti quelli che assistono alla scena: “E’ da un’altra parte ma è sempre con me, con noi”. Viene da Casalnuovo di Napoli, suo figlio è morto, per un tumore, a nove anni e mezzo. Non un caso isolato, non una disgrazia di una sola famiglia. Qui, tra Caserta Sud e Napoli Nord, se ne contano a migliaia. Ogni anno. Morti di cancro.

La Marcia per la Vita si è svolta nel giorno che la Chiesa cattolica dedica al ricordo di San Francesco, il 4 ottobre. Voluta dal vescovo di Aversa, Angelo Spinillo, e da tutta la diocesi alla quale appartiene anche la parrocchia di Parco Verde a Caivano, guidata da don Maurizio Patriciello, la manifestazione ha sancito attraverso una sorta di manifesto, letto all’inizio del corteo, la posizione chiara, netta della Chiesa aversana contro la devastazione di questo territorio. Ecco una sintesi:

“Non possiamo e non vogliamo rinunciare al diritto di vivere in questa nostra terra. Ci sentiamo vicini a chi ha dovuto abbandonare la loro terra e, sulle nostre coste, ha trovato la morte. Abbiamo permesso per troppo tempo e a troppi sciacalli di bruciare le nostre radici. Ci siamo resi complici col nostro silenzio. Ma ora vogliamo dire il nostro basta e riappropriarci della nostra terra e, a coloro che l’anno violata, dire che non permetteremo più a nessuno di approfittarne. Qual è il motivo di questa marcia? Questa giornata sarà ricordata a lungo. Siamo qui in tanti per celebrare la vita. Siamo forti per la varietà di voci convenute qui oggi. Voci diverse che dimostrano quanto sia vero. Voci per gridare insieme che questa situazione è grave e intollerabile, offende la dignità dell’uomo, mortifica il progetto di Dio. Tutta la comunità, da Caivano a Villa Literno, a Frattamaggiore è vittima di questo scempio. Siamo più forti ormai. Non possiamo non agire, non possiamo tenere in tasca le nostre mani pulite perché la comunità di Dio richiama, soprattutto, alle opere da realizzare con continuità e con forza.

Rispetto al problema dei rifiuti tossici industriali ancora attendiamo risultati. Chiediamo: primo, la conversione ecologica, un processo che ci porti a nuovi stili di vita rispettosi della creazione, dell’uomo e della sua diginità; un profondo rinnovamento dell’economia e del nostro modo di vivere. Una disciplina fatta anche di rinunce e di riconoscimento che il Creato appartiene agli altri tanto quanto a noi. Una disciplina della responsabilità nei riguardi del futuro. Secondo: giustizia e sostenibilità. Impegno per la tutela della sostenibilità del nostro territorio, una responsabilità che impone anche la giustizia, perché a sopportarne le conseguenze sono spesso i più poveri. Nemmeno il peso della crisi economica che investe tutta la comunità internazionale può esonerare dalla collaborazione lungimirante per attivare misure efficaci e garantire un percorso che individui due nodi precisi.

”.1

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Covid, Italia sempre più gialla, nessuna regione sarebbe rossa

L'Italia diventa sempre piu' gialla e nessuna regione dovrebbe essere rossa: la Valle d'Aosta dovrebbe, infatti, diventare arancione. Verso un cambio di colore...

COMUNICATO STAMPA:L’ARCIVESCOVO BATTAGLIA OSPITE AL COMITATO DI NAPOLI IN OCCASIONE DELLA GIORNATA MONDIALE DELLA CROCE ROSSA e MEZZALUNA ROSSA

L’ARCIVESCOVO BATTAGLIA OSPITE AL COMITATO DI NAPOLI IN OCCASIONE DELLA GIORNATA MONDIALE DELLA CROCE ROSSA e MEZZALUNA ROSSA S.E....

Dl Sostegni, salta ‘superbonus’ aziende.

La Ragioneria generale dello Stato boccia la norma inserita dal Parlamento del dl Sostegni per "la cedibilità del credito di imposta nell'acquisto...

Giovane uccisa nel Napoletano

Ylenia Lombardo, 33 anni, è stata uccisa a coltellate ieri pomeriggio a San Paolo Bel Sito (in provincia di Napoli). ...

Commenti recenti