8 Maggio 2021, sabato
Home Italia Economia La crisi? Il gesto di un uomo disperato

La crisi? Il gesto di un uomo disperato

Questa volta Berlusconi ha sbagliato, e la disponibilità a votare la legge di stabilità è un modo come un altro per recuperare una situazione compromessa, che gli sta sfuggendo di mano. Un gesto irresponsabile? Certo ma soprattutto un atto di ritorsione contro gli avversari politici, contro i magistrati che lo hanno condannato, contro il PD e Napolitano che non lo hanno salvato.

Berlusconi è un uomo disperato, rincorso dagli incubi di probabili mandati di cattura successivi alla sua decadenza da senatore. In preda al terrore del carcere, ha imboccato, sulla pelle degli italiani e sulla sua pelle, una via senza uscita, che non lo libera dalla situazione in cui è impelagato. La crisi non risolve i suoi problemi, non gli dà il condono, non gli da consensi, ma apre la strada al suo isolamento politico e al dissenso interno, a defezioni di autorevoli membri del suo partito.

Berlusconi ha sbagliato, ma questo errore lo paghiamo tutti noi. Se non viene approvata la legge di stabilità e la legge elettorale questo Paese a sbattere, perde la sua indipendenza politica, sarà governato dalla troika finanziaria (BCE Fondo monetario, Commissione UE), e non da un governo scelto dagli italiani. Ma queste cose non importano al cavaliere, a cui preme solo di evitare la decadenza, le sue aziende, la prossima campagna elettorale. Per questo tenta di far cadere il governo, senza subire contraccolpi negativi. I suoi interessi prima di tutto, a spese degli italiani. E per questo obiettivo utilizza qualsiasi mezzo, anche se porta alla rovina l’Italia.

La crisi è l’ultimo atto di un ventennio in cui Berlusconi ha sempre anteposto i suoi interessi a quelli del Paese. Tutti i governi di Berlusconi non hanno pensato a governare, ma ad accorciare i tempi di prescrizione, ad eliminare il falso in bilancio, insomma ad adottare provvedimenti atti ad aiutare il cavaliere nelle sue vicende giudiziarie, a fare condoni e ad eliminare l’IMU per acquisire consensi. All’inizio della crisi non erano all’attenzione del governo di allora i provvedimenti per tamponarla, ma il lodo Alfano.  E come ultimo atto fa cadere il governo, come ritorsione alla probabile pronuncia di decadenza da senatore della commissione parlamentare sulle immunità. E in questa operazione fa sentire in pieno il pugno del comando. Le dimissioni dei ministri non vengono discusse negli organi di partito. I ministri non vengono preventivamente avvertiti. Quando sono in ballo i suoi interessi non si comporta da statista, da leader, dapadrone che dà ordini ai suoi servi senza consultarli.

Ma poi avverte che questa volta il gioco è troppo scoperto per poter reggere. I suoi elettori nonostante la campagna mediatica di Mediaset, del Giornale, di Libero, di Panorama, sanno benissimo che la crisi è figlia degli interessi personali del cavaliere e che anteporre gli interessi personali a quelli del Paese non è accettabile. Così le motivazioni personali diventano motivazioni economiche, le sua responsabilità per lo strappo addossata ai suoi avversari. E come ha giustamente rilevato Letta, copre una iniziativa nata da una vicenda personale con una vicenda economica. Le ragioni vere della crisi sono collegate alla decadenza.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Covid, Italia sempre più gialla, nessuna regione sarebbe rossa

L'Italia diventa sempre piu' gialla e nessuna regione dovrebbe essere rossa: la Valle d'Aosta dovrebbe, infatti, diventare arancione. Verso un cambio di colore...

COMUNICATO STAMPA:L’ARCIVESCOVO BATTAGLIA OSPITE AL COMITATO DI NAPOLI IN OCCASIONE DELLA GIORNATA MONDIALE DELLA CROCE ROSSA e MEZZALUNA ROSSA

L’ARCIVESCOVO BATTAGLIA OSPITE AL COMITATO DI NAPOLI IN OCCASIONE DELLA GIORNATA MONDIALE DELLA CROCE ROSSA e MEZZALUNA ROSSA S.E....

Dl Sostegni, salta ‘superbonus’ aziende.

La Ragioneria generale dello Stato boccia la norma inserita dal Parlamento del dl Sostegni per "la cedibilità del credito di imposta nell'acquisto...

Giovane uccisa nel Napoletano

Ylenia Lombardo, 33 anni, è stata uccisa a coltellate ieri pomeriggio a San Paolo Bel Sito (in provincia di Napoli). ...

Commenti recenti