17 Gennaio 2022, lunedì
Home Rubriche La philofobia rallenta la felicità e il benessere generale: ecco la ‘’bestia...

La philofobia rallenta la felicità e il benessere generale: ecco la ‘’bestia nera’’ che decide la fine delle relazioni

A cura di Ionela Polinciuc

La philofobia rallenta la felicità e il benessere generale: ecco la ‘’bestia nera’’ che decide la fine delle relazioni

La Philofobia è il terrore dell’amore o del diventare emotivamente connessi con un’altra persona. È una paura altamente persistente, ingiustificata ed anomale di innamorarsi e vivere serenamente un rapporto di coppia.

Anche se può sembrare una delle fobie più strane, esiste ed è seria allo stesso modo.

La paura di amare deriva da una delusione non indifferente, paura di non essere all’altezza del partner, la perdita di una persona troppo importante in passato, o altri fattori simili che hanno segnato pesantemente il philofobico.

Senza dubbio, questa fobia si può superare, e trovare la forza ed il coraggio di spezzare questa paura e tornare a vedere con occhi diversi la situazione.

Chi è philofobico, fa realmente fatica a metabolizzare che l’amore non è una tortura, ma è saper conciliare le differenze. Chi ha paura di amare è fortemente terrorizzato da questo concetto.

Philofobia: ecco alcuni atteggiamenti tipici

Chi ha la fobia di innamorarsi, parte sempre dal presupposto e dalla paura che una storia possa finire. Di conseguenza, partendo già con questo pensiero, mette in atto un meccanismo di fuga nel momento in cui si rende conto che si sta coinvolgendo troppo con una persona.

La persona philofobica potrebbe soffrire profondamente della sua condizione, sentirsi angosciata e nervosa al solo pensiero di innamorarsi o di essere coinvolta seriamente in una storia.

In alcuni casi, in base allo stadio di questa fobia, chi è philofobico può arrivare a sperimentare dei veri e propri sentimenti di panico, di intensa paura, nausea, forte mal di testa, eccessiva sudorazione, fatica a respirare ed insonnia.

Principalmente, proprio per difesa personale, chi soffre di philofobia, evita situazioni che possano coinvolgerlo in eventuali rapporti di coppia, oppure scelgono storie impossibili nelle quali hanno la certezza o quasi, che l’altro non possa mai innamorarsi di loro, e se questo dovesse accadere si mettono subito al riparo.

Inizia immediatamente, ricercando difetti o scuse inesistenti che giustifichino la decisione di mettere fine al rapporto e scappare a gambe levate. A volte, i philofobici arrivano anche a cambiare città, numero di telefono e tutto ciò che potrebbe lasciare una minima traccia della loro esistenza. Sono tutti comportamenti che spiazzano il partner incredulo da tutto ciò; nonostante hanno passato giorni sereni insieme, improvvisamente l’altro non si fa più sentire, rimanda appuntamenti, oppure giustifica il proprio allontanamento come un forte bisogno di libertà.

Quando si parla di philofobia, si tratta di un enorme conflitto interiore, perché chi è philofobico desidera in maniera esagerata l’amore e l’appagamento che esso dà, ma contemporaneamente non tollera minimamente la dipendenza che esso provoca. I philofobici sono terrorizzati all’idea di poter essere rifiutati o abbandonati improvvisamente.

In poche parole chi soffre di philofobia si costruisce una corazza molto dura e sono persone fortemente cerebrali ma purtroppo con una paura irrazionale. Bisogna sapere che i philofobici, interiormente sono creature ipersensibili, che in passato hanno avuto un fortissimo disagio a livello mentale non superato.

Stop philofobia!

Un buon metodo per sconfiggere questa paura è semplicemente affrontarla anche con le sofferenze che questa comporta.

La philofobia è la convinzione totalmente errata di un pericolo che in realtà non esiste, è una catena mentale che dovrebbe essere spezzata più in fretta possibile, perché rende schiavi di sé stessi.

Ogni essere umano ha indiscutibilmente paura di qualcosa in particolare, ma, amare ed essere amati non è solo un sacro diritto, ma anche una potenzialità e in quanto tale va glorificata, maestrata e avviata.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Costa: ‘Su Italia a colori va fatta assolutamente riflessione’

"L'Italia a colori è stato indubbiamente un sistema utile e condiviso con le Regioni, ed è fondamentale continuare in questo percorso condiviso.

E’ dovuto il Credito d’imposta per il pagamento del canone patrimoniale per le installazioni pubblicitarie ?

Per ottenere il credito d’imposta destinato ai titolari di impianti pubblicitari privati (o concessi a privati) che hanno versato il canone patrimoniale...

Governo apre a richieste Regioni. Speranza: ‘Tavolo tecnico’

Uno spiraglio per la "riconsiderazione" del sistema dei colori per le Regioni e, in attesa di indagini e osservazioni, l'eventuale ipotesi che...

Alla fine cosa sarà ?

A cura di Giuseppe Catapano È sempre molto difficile distinguere le previsioni oggettive dalle speranze personali. Per questo fatico a...

Commenti recenti