24 Settembre 2021, venerdì
Home L'Opinione Il referendum risponde al SI, il panorama politico si prepara per il...

Il referendum risponde al SI, il panorama politico si prepara per il futuro

|a cura di Maria Parente

Con il 69,64% di preferenze, il SI espresso dagli italiani inaugura una svolta epocale con la riduzione del numero dei deputati(da 630 a 400) e dei senatori(da 315 a 200): la proposta di revisione costituzionale è stata avanzata nel maggio 2018 dal M5S e dalla Lega al momento della sottoscrizione del “Contratto per il governo del cambiamento” dando vita al Governo Conte I poi ripresa con autorevolezza dal successo Governo Conte II nato nel settembre 2019 dall’accordo di programma tra Movimento 5 Stelle, Partito Democratico e Liberi e Uguali, portando avanti la proposta di “riduzione del numero dei parlamentari, avviando contestualmente un percorso per incrementare le opportune garanzie costituzionali e di rappresentanza democratica, assicurando il pluralismo politico e territoriale”, anche attraverso una revisione della legge elettorale in caso di esito positivo del referendum.

Con quasi il 70% di voti a favore, ora la riforma costituzionale entrerà in vigore e bandirà dai rami del Parlamento una quota di componenti pari al 36,5%. Un risultato, quello ottenuto con il referendum, che si ripercuoterà su tutto il territorio nazionale con la riduzione significativa per ogni regione e per le circoscrizioni estero, con qualche eccezione:  le due province autonome di Trento e Bolzano vengono equiparate alle regioni, assicurandosi tre senatori a testa. Rimangono invece invariati i seggi assegnati al Molise  e alla Valle d’Aosta .

Una vera e propria rivolta degli italiani, un risultato dannoso e insignificante per i sostenitori del NO che intravedono di fatto ripercussioni negative per le minoranze territoriali le quali rischiano di sparire senza che nessuno possa rappresentarle emeritamente nel Parlamento, e la democrazia defessa. Non un ragionamento che ha convinto tutti, difatti il NO ne esce avvilito , sfiorando quasi il 30% dei consensi: il SI stravince al Sud ma al Nord è di poco meno inferiore, dunque in conclusione, gli italiani hanno inteso sposare la proposta del taglio di parlamentari, pur consapevoli che gli interessi di molte piccole realtà verranno sacrificati, ma intenti a voler vedere nel concreto un cambiamento reale e possibile che stravolgerà diverse sfaccettature della nostra realtà politica, nel mirino una nuova legge elettorale e quella dei regolamenti parlamentari per garantire maggiore equilibrio.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Green pass, il decreto in Gazzetta. Senza Green pass via lo stipendio ma salta la sospensione

Il decreto legge per l'obbligo del Green pass sui luoghi di lavoro, approvato la scorsa settimana in Consiglio dei ministri, è stato pubblicato...

“Moralizzare” la pandemia

A cura di Giuseppe Catapano  Sin dalle sue prime battute, in troppi hanno provato a "moralizzare" la pandemia, a farne...

COMUNICATO STAMPA: al via le riprese di “sartu’ ” la sitcom che coniuga comicità e cucina

Maurizio Mattioli ed Enzo Salvi, esilaranti protagonisti dell’”Italian Comedy” sono i brillanti interpreti di Sartu’, un nuovo format televisivo prodotto dalla “MAX...

Putin, Russia Unita conferma la sua leadership

Il presidente russo Vladimir Putin stima "positivamente" il risultato elettorale del suo partito Russia Unita nelle legislative svoltesi tra venerdì a domenica....

Commenti recenti